facebook rss

Piano delle alienazioni:
non c’è l’ex cinema Montini,
si punta alla riqualificazione

FABRIANO - Il Comune ha messo all'asta molti fabbricati pubblici, tra cui ci sono ex bar, ex scuole e moduli abitatitivi prefabbricati. La storica sala cinematografica, da anni chiusa, non è più in vendita e l'amministrazione sta pensando a una destinazione d'uso che potrebbe prevedere presto un bando
Print Friendly, PDF & Email
ex cinema Montini

L’ex cinema Montini a Fabriano

Non si vende più l’ex Cinema Montini. E’ stato infatti tolto dai beni pubblici in alienazione del Comune. Per il Montini si sta cercando una migliore destinazione e gestione. Il sindaco di Fabriano fa sapere che non è ancora tempo di bandi e di accogliere proposte poiché alcuni lavori sono da fare: “Stiamo valutando lo stato della struttura e se le poltrone siano a norma, dopo di ché, dati alla mano, potremo raccogliere le idee”. Buona notizia comunque la volontà di riqualificazione dello storico edificio che fu centro del cinema d’essai di Fabriano. Le destinazioni d’uso potrebbero essere sempre attinenti al cinema e ai laboratori teatrali, oppure diverse, in chiave moderna per unire il recupero architettonico alla promozione della cultura e di aggregazione giovanile, magari. Il locale, data la grandezza, si potrebbe prestare a tanti usi. Nel Dup pubblicato anche la valorizzazione del Mercato Coperto, dell’arene Parco Pubblico Unità d’Italia. Tra i beni pubblici, invece rimasti all’asta ci sono ex bar, ex scuole e moduli abitatitivi prefabbricati: l’immobile che ospita il Bar della Nave in piazzale Matteotti per 252.501,48 euro; l’ex scuola della frazione Grotte di Fabriano per 58.131,27 euro; l’ex serbatoio idrico in frazione Moscano per 1.886,04 euro; moduli prefabbricati a Campodiegoli per 15.850 euro, a Cupo per 12.276 euro, a Campodonico per 24.552 euro; fabbricati a Ca’ Maiano per 1.751,89; una corte esterna in via delle Fornaci per 11.072 euro; lungo il fiume Giano per 2.273,79 euro; area agricola in località Rocchetta Bassa per 20.185,33 euro; in via Dante per 25.272,52 euro; in località La Spina per 8.551,92 euro; ad Argignano per 8.910 euro; in viale Stelluti Scala per 56.643,30 euro; in via IV Novembre per 4.460,40; a Valleremita per 1.756,80 e per 2.525,40 ; il Peep Borgo 3 per 194.586,27; in via Tommasi per 5.740,50 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X