facebook rss

La morsa del gelo non si allenta:
giovedì nuova perturbazione
(Video-Fotogallery)

METEO – Mezzi spazzaneve dirottati di nuovo sulle arterie principali, dalle 17 ha ripreso la bufera di neve. Tir intraversati in via Flavia e via Conca nel tardo pomeriggio, alberi crollati per la neve. Mercoledì mattina la decisione sulla riapertura delle scuole, si valutano altri giorni di stop alle lezioni. Raddoppiano gli spalatori. Gli aggiornamenti da Osimo, Jesi, Senigallia e Camerano
Print Friendly, PDF & Email
Ancona, situazione viabilità da Corso Carlo Alberto a Torrette

La bufera che ha ripreso vigore attorno alle 17, via Flaminia ad Ancona svincolo con via Conca

Corso Carlo Alberto

 

Secondo giorno di Burian, Ancona crolla sotto zero e il gelo non promette di allentare la sua morsa nei prossimi giorni. Domani, mercoledì 28, è attesa una tregua, ma da giovedì sono previsti peggioramenti del meteo, con possibili nuove nevicate. Nella notte temperature fino a meno 5 gradi, si temono le gelate. Da domenica scorsa non ha praticamente mai smesso di nevicare, nonostante gli attesi miglioramenti. Disagi comprensibili durante la giornata, data l’eccezionalità dell’evento, se non fosse che nel tardo pomeriggio di oggi, a partire dalle 17, la bufera ha ripreso vigore, imbiancando nuovamente tutte le strade che erano state liberate nella mattinata. La ventina di mezzi spazzaneve, tra comunali e delle ditte private incaricate, sono stati dunque di nuovo dirottati per pulire le arterie principali, quelle necessarie per raggiungere gli ospedali e la grande viabilità, via Conca, via Flaminia, Asse Nord Sud, bypass della Palombella. Spazzaneve in azione praticamente no stop, i mezzi hanno già raggiunto le 450 ore di lavoro per pulire le strade da domenica. La neve è tornata perciò ad accumularsi sulle vie secondarie, anche se le strade per raggiungere le frazioni sono rimaste praticabili con gomme termiche e catene, anche i bus navetta di Conerobus hanno circolato per buona parte della giornata.

Mezzi in azione in piazza Ugo Bassi

Le criticità maggiori attorno alle 19, quando due mezzi pesanti si sono intraversati su due strade principali, bloccando la viabilità e anche i mezzi spazzaneve: un Tir ha bloccato via Flavia, un altro camion ha occupato via Conca, in direzione statale 16. Sei in tutto gli alberi abbattuti sulle strade del territorio comunale a causa del peso della neve, causando disagi alla circolazione. Ancora da decidere la riapertura delle scuole: mercoledì lezioni sospese, domani mattina è attesa la decisione sulla riapertura, ma si annunciano altri giorni di stop dell’attività scolastica se il meteo non migliora. Fuori da stamattina le prime squadre di spalatori, una sessantina in tutto quelli impiegati per pulire i marciapiedi, da domani saranno raddoppiati: circa 130 sulle strade armati di pala per creare percorsi pedonali sicuri. Non solo centro, da domani maggiore attenzione anche ai quartieri nuovi, ma l’obiettivo principale resta la pulizia di piazza Ugo Bassi e dintorni, snodo principale dei mezzi pubblici.

A Osimo, oggi pomeriggio si è tenuto il punto della situazione nella sede della CRI in via Molino Mensa. Sono 20 i mezzi comunali costantemente al lavoro per liberare le strade. Più di 100 i quintali di sale sparsi sino ad ora sulle strade, proseguiremo anche stanotte. Iniziati interventi per liberare anche le vie secondarie. Personale Astea al lavoro per pulire i marciapiedi. Rafforzati anche per questa notte la presenza sul territorio di Forze dell’Ordine e Polizia Municipale. Più di 10 saranno i volontari della Protezione Civile impegnati a sorvegliare il territorio. In serata si sono di nuovo manifestati problemi sulla salita dell’Aspio, a San Biagio, poi risolti grazie all’intervento dei mezzi Anas.

Mezzi pubblici in piazza Ugo Bassi

 

A Jesi, il Comune sottolinea che tutte le arterie principali e le strade secondarie maggiori sono completamente libere dalla neve. Si sta intervenendo sulle traverse minori, ma non si registrano criticità. Resta attivo il numero verde 800 345393 per qualsiasi emergenza. Anche a Jesi, mercoledì scuole chiuse e mercato ambulante soppresso. Nel pomeriggio, sotto il peso della neve ha ceduto una tettoia del parcheggio del centro direzione di Ubi Banca, a Fontedamo, finendo sopra 4 vetture in sosta.

A Camerano, i mezzi che circolano dalle 5,30 di questa mattina per togliere la neve. “I dipendenti comunali ed i volontari della Protezione Civile hanno lavorato con passione e dedizione in collaborazione con i dipendenti della ditta Baldini. Hanno consegnato medicinali e generi alimentari ad anziani soli che ne hanno fatto richiesta, soccorso diversi automobilisti in difficoltà” sottolinea il Comune.

A Senigallia, in alcune zone si sono cumulate fino a 50 centimetri di neve. Anche nella serata di oggi i mezzi spargisale e gli spalaneve saranno in azione fino alla mezzanotte a pieno regime per sgomberare le strade di viabilità primaria e secondaria. Anche dopo la mezzanotte una squadra continuerà a lavorare per tenere sotto controllo le principali arterie viarie, utili anche a garantire l’accesso e il collegamento con il polo ospedaliero e la caserma dei vigili del fuoco: via Arceviese e Corinaldese nei tratti di competenza comunale, la bretella nord della Complanare, la strada statale adriatica, viale Leopardi e viale IV novembre.

(foto Giusy Marinelli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X