facebook rss

“Devo andare a votare” e ruba
l’auto dello zio: 48enne in arresto

ANCONA - La donna, che abita in un frazione di Montemarciano dove ieri era aperto il seggio, sarebbe arrivata al furto dopo aver chiesto senza esito alla zio, residente ad Ancona, di prestarle la vettura per percorrere una trentina di chilometri e permetterle di esprimere la sua preferenza alle elezioni
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Avrebbe chiesto allo zio più volte di lasciarle l’auto per permetterle di raggiungere il seggio e andare a votare. All’ennesima negazione, ha preso le chiavi di soppiatto ed è salita in auto, partendo da Ancona e arrivando a Cassiano, dove abita e dove era chiamata ad esprimere la sua preferenza per le elezioni. Il gesto è però costato caro a una 48enne già conosciuta dalle forze dell’ordine. La donna è finita in arresto con l’accusa di furto aggravato. Le manette dei carabinieri di Montemarciano sono scattate attorno alle 23, mentre lei si trovava nella sua abitazione. Sotto casa, c’era ancora l’auto dello zio parcheggiata. A lanciare l’allarme delle chiavi sparite sarebbe stato il cugino della donna, figlio del proprietario della vettura, un 75enne che vive in via Pergolesi. Erano circa le 20.30 di ieri quando è partita la chiamata al 112. Qualche minuto prima, la 48enne aveva pregato lo zio di prestarle l’auto per due motivi: permetterle di andare a votare a Cassiano, una frazione di Montemarciano, e poi farle raggiungere il suo appartamento. Il parente, secondo la versione dell’arrestata, avrebbe sempre rifiutato la proposta. A quel punto, la donna ha preso le chiavi e si è intrufolata nell’auto dello zio, una Fiat Punto. Con il veicolo è andata al seggio e a casa sua. Non sapeva che poco dopo aver messo piede nell’abitazione sarebbero arrivati i militari della stazione di Montemarciano. La donna  ha subito consegnato le chiavi dell’auto tirandole fuori dalla sua borsa.  Dopo le formalità di rito è stata sottoposta agli arresti domiciliari. Questa mattina il tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto, rimettendo la donna in libertà.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X