facebook rss

Diciasette architetti in gara
per la riqualificazione del mercato ittico

ANCONA - Il bando si è chiuso lo scorso 9 marzo e ha visto la partecipazione di 17 studi di progettazione da tutta Italia. Il nuovo progetto dovrà rispettare l'estetica originaria di Minnucci, prevedere l'efficientamento energetico, ma anche la possibilità di far fruire il luogo a tutta la comunità. Iniziata anche la manutenzione ordinaria de La Fontana dei due soli al porto antico
Print Friendly, PDF & Email

Il mercato ittico di Ancona

 

Riqualificazione del mercato ittico, 17 società di progettazione di tutta Italia hanno risposto al bando. Il progetto di ammodernamento dovrà rispettare totalmente la sua estetica originaria, e nascerà dalla creatività dell’architettura contemporanea italiana, con un passaggio simbolico di consegne dalla matita del suo ideatore Gaetano Minnucci, firma del Novecento, alle tecnologie del design moderno. La gara dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale, chiusasi lo scorso 9 marzo, ha visto la partecipazione di 17 soggetti per la ristrutturazione interna dell’edificio che si trova nella zona del Mandracchio, di fronte alla Mole Vanvitelliana, e in cui si svolge il mercato all’ingrosso del pesce.

Il bando era dedicato alla ricerca di un servizio di progettazione definitiva ed esecutiva e direzione dei lavori e per l’intervento di ristrutturazione dell’edificio demaniale, sede del mercato ittico. L’incarico economico previsto dal bando è di 362.303 euro più iva. La durata del contratto di appalto è di 500 giorni.

L’intervento di ammodernamento prevede un investimento complessivo di circa 2,6 milioni, già a bilancio. Per il progetto, l’Autorità di sistema ha ottenuto un finanziamento di 850mila euro da un bando della Regione Marche per la modernizzazione delle infrastrutture per la pesca, sostenuto dalla misura 1.43 “Porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e riparti di pesca” del Feamp-Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca.

L’edificio principale della struttura, con una superficie totale di 2.400 metri quadrati, è stato costruito nel dopoguerra su progetto dell’architetto Gaetano Minnucci, protagonista della ricostruzione di Ancona e autore di altre opere di rilievo della città, come la Galleria dorica e la Chiesa del Santissimo Crocifisso nel quartiere Archi.

Il progetto ha lo scopo di realizzare l’adeguamento strutturale dell’edificio e l’ammodernamento dell’attività di vendita dei prodotti ittici. Saranno finanziati, inoltre, interventi per l’efficientamento energetico e per potenziare la sicurezza dell’edificio.

Partendo dai suggerimenti degli operatori, protagonisti di un luogo che rappresenta la cultura marinara della città, sarà ammodernata l’area dedicata alla vendita del pescato. Dai progetti dovranno inoltre pervenire idee e soluzioni per ampliare la fruibilità dell’edificio nell’arco dell’intera giornata e inserendo nuove opportunità di utilizzo del manufatto.

«Questo progetto nasce dal desiderio di valorizzare una delle cose belle di Ancona – commenta il presidente dell’Autorità di sistema, Rodolfo Giampieri –, trasformandola in un mercato ittico moderno, funzionale alle necessità del mondo della pesca, e in un luogo che possa essere anche fruito, durante le ore del giorno, dalla comunità. Il grande interesse che il bando ha suscitato dimostra che abbiamo colpito nel segno. Siamo convinti, infatti, che ogni volta che si riesce a mettere in discussione un luogo per rigenerarlo e renderlo fruibile, si crea un meccanismo virtuoso che può portare ad un prodotto di alta qualità. E questo è l’orizzonte su cui ci muoviamo, quello di una modernizzazione che guarda all’Europa per poter fruire di spazi cittadini non dimenticando ma anzi rafforzando il forte legame fra Ancona e il suo porto».

Da un capo all’altro del porto. È partita oggi la manutenzione programmata della “Fontana dei due soli” al porto antico. L’intervento di controllo, di verifica sulla struttura e sull’impianto idraulico e di pulizia dell’opera realizzata da Enzo Cucchi era previsto per la fine dell’inverno. Come ogni costruzione esterna, anche per la fontana è infatti necessario controllare lo stato dei materiali anche alla luce delle particolari condizioni climatiche delle scorse settimane».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X