facebook rss

False dichiarazioni al fisco:
sequestrata mega villa a Barcaglione

ANCONA - Il valore dell'immobile si aggira attorno a un milione di euro. Gli accertamenti fiscali da parte della Guardia di Finanza, su delega della procura generale, sono scattati dopo la condanna in via definitiva dell'uomo, accusato di ricettazione di carichi di pesce
lunedì 12 Marzo 2018 - Ore 16:36
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Dichiarava al fisco una somma inferiore rispetto a quanto effettivamente guadagnato grazie alla sua azienda: sotto sequestro una mega villa situata a Barcaglione del valore di un milione di euro. L’immobile, a cui hanno posto i sigilli i militari della Guardia di Finanza, appartiene a un imprenditore pugliese di 50 anni, attualmente recluso in carcere nella sua regione d’origine. L’uomo, condannato in via definitiva per la ricettazione di carichi di pesce rubato e commercializzato, è il titolare di un’azienda ittica di Bari che aveva anche una filiale operativa ad Ancona per controllare il commercio all’ingrosso dei prodotti nel medio e basso Adriatico. Proprio a seguito della condanna in via definitiva dell’imprenditore avvenuta nel 2017, sono scattate le indagini coordinate dalla procura generale guidata da Sergio Sottani. L’iter investigativo denominato “Iceberg” ha portato i militari a ravvisare un’abissale discrepanza tra quanto dichiarato al fisco dal 50enne negli scorsi anni e i beni a lui intestati. Tra questi, appunto, un villone a Barcaglione e varie auto di lusso. L’immobile, attualmente disabitato perché in ristrutturazione, è stato oggetto del sequestro preventivo chiesto dalla procura finalizzato alla definitiva confisca.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X