facebook rss

Accoltellato dentro l’ospedale
Regolamento dei conti davanti al Sert
E’ grave un uomo di 52 anni

SAN BENEDETTO - La lite, per motivi riconducibili alla droga, è scoppiata questa mattina all'alba davanti all'ingresso del Servizio dipendenze patologiche del "Madonna del Soccorso". L'aggressore, anche lui un cinquantenne, è stato bloccato dai Carabinieri e portato in caserma. La vittima è stata soccorsa dagli uomini della vigilanza che hanno visto l'uomo mentre si trascinava sanguinante. Immediato l'intervento di medici e infermieri
martedì 20 marzo 2018 - Ore 10:41
Print Friendly, PDF & Email

La porta girevole dove è avvenuto la lite poi sfociata nell’accoltellamento

Si sono incontrati all’alba davanti all’ingresso dell’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto. Hanno avuto un diverbio proprio in prossimità della porta girevole poi, mentre uno scendeva sanguinante le scale per portarsi al pronto soccorso, l’altro si è recato al bar dell’ospedale per fare colazione.

Il Sert presso l’ospedale Madonna del Soccorso

E’ successo poco prima delle ore 7 e i duellanti sono due persone che si stavano recando al Sert per loro dose quotidiana di metadone in quanto tossicodipendenti. A quel punto l’uomo ferito di 52 anni, M.P., è stato immediatamente soccorso dal personale, accompagnato nelle sale interne dal personale della vigilanza che l’aveva visto passare sanguinante. Immediatamente sono stati avvisati i Carabinieri che, una volta sul posto, non hanno avuto difficoltà nel prendere sotto custodia W.M. anche lui cinquantenne. Al momento non si conoscono i motivi che hanno scatenato la lite furibonda e poi l’accoltellamento (il ferito è stato colpito alle spalle), ma sembra del tutto evidente che la causa potrebbe essere legata alla droga.

Il cane della vittima è rimasto legato e aspetta il suo padrone

Una volta giunto in caserma, sembra che l’uomo si sia difeso non parlando di accoltellamento, ma di aver colpito il suo avversario con un mazzo di chiavi. Il ferito è grave e verrà sottoposto a intervento chirurgico. Davanti al Sert c’è ancora il suo cane che, prima dell’aggressione, aveva lasciato lì legato.

(epi)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X