facebook rss

Lei va in overdose e lui l’abbandona
in strada: denunciato
per omissione di soccorso

FABRIANO - La ventenne è stata trovata priva di sensi da una passante nel quartiere Piano. Era stata abbandonata in arresto cardiaco dal coetaneo che le aveva procurato l'eroina e con cui avevano consumato la droga. La polizia è riuscita a risalire al giovane
mercoledì 28 marzo 2018 - Ore 18:19
Print Friendly, PDF & Email
polizia di fabriano

Controlli della polizia di Fabriano, foto d’archivio

Brutta storia per una coppia di ventenni consumatori di sostanze stupefacenti. Negli scorsi giorni la polizia con il 118 di Fabriano sono intervenuti per soccorrere una ventenne fabrianese, che era stata notata svenuta in strada e con i pantaloni abbassati da un passante, in una via del quartiere Piano. Trasportata all’ospedale la donna, già conosciuta dai poliziotti in quanto tossicodipendente, veniva ricoverata in terapia intensiva poiché aveva avuto un arresto cardiaco, era in stato di ipotermia ed aveva un tasso alcolemico superiore ad un grammo per litro nel sangue e presenza di sostanza stupefacente nelle urine. La donna, una volta ripreso coscienza, ha dichiarato alla polizia di aver fatto uso di droghe insieme ad un ragazzo e che, in quell’occasione, aveva avuto un malore. Dalla visita ginecologica è stata esclusa fin da subito l’ipotesi di violenza sessuale. Gli agenti del Commissariato diretti dal dirigente Sandro Tommasi, a seguito delle indagini hanno individuato ed identificato il soggetto. Si tratta di un coetaneo della giovane che, poche ore prima del malore, aveva acquistato più di 50 euro di eroina. La droga è stata consumata nella casa di lui, prima di accusare il malore. Dalle indagini è emersa la responsabilità del ventenne fabrianese il quale, una volta viste le critiche condizioni fisiche della donna, l’ha abbandonata nelle vicinanze della propria abitazione. Il giovane è stato denunciato per omissione di soccorso, cessione di sostanza stupefacente e per aver procurato lesioni personali alla donna. Sono in corso ulteriori accertamenti anche per risalire ai venditori dell’eroina.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X