facebook rss

I bimbi del nido ‘Giro Girotondo’
trasferiti all’ex Tribunale:
il plesso a rischio vulnerabilità sismica

FABRIANO - Il sindaco ha incontrato ieri pomeriggio i genitori dei bimbi dell'Asilo di via Petrarca. Già oggi iniziano gli sgomberi dei materiali didattici dell'asilo
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Gabriele Santarelli

E’ stata inviata una nota alla stampa per comunicare la chiusura dell’asilo Giro Girotondo in via Petrarca, a Fabriano, in seguito al calcolo degli indici di vulnerabilità sismica, che si è concluso da poco. Pubblichiamo integramente la comunicazione del primo cittadino.

“Nel tardo pomeriggio ho incontrato i genitori dei bambini che frequentano il nido Giro Girotondo di via Petrarca per comunicare l’esigenza di chiudere la struttura già dalla giornata di mercoledì 18 aprile. L’intervento urgente è dovuto ai risultati dell’analisi dell’indice di vulnerabilità che ci sono stati comunicati nella tarda mattinata di venerdì 13. Tali risultati restituiscono un valore di molto inferiore rispetto al minimo previsto per legge. Ho specificato che queste analisi sono indipendenti dagli eventi sismici per cui anche in assenza degli ultimi terremoti i dati sarebbero stati gli stessi perché dipendono dalle caratteristiche con cui la struttura è stata realizzata. Gli uffici si sono prontamente attivati per individuare una alternativa che dovrà essere pronta entro pochi giorni e per questo stiamo già lavorando per sistemare un’ala del primo piano dell’ex tribunale. Già stamattina (ieri, ndr) gli operai hanno liberato le aule e nei prossimi giorni verranno affidati i lavori per l’adeguamento che riguarderà principalmente i bagni che dovranno essere dotati dei sanitari adatti ai bambini, la suddivisione di alcuni spazi per creare locali adeguati alle diverse attività tra cui la cucina e l’applicazione di materiali al pavimento per renderli confortevoli per i bambini. Abbiamo collaborato sin dai primi istanti con la coordinatrice dei nidi e con i responsabili della cooperativa che gestisce il personale che ringrazio per la loro piena e immediata disponibilità. Sappiamo di provocare disagi notevoli ai genitori che si ritrovano da un giorno all’altro a non poter usufruire di un servizio così importante per l’organizzazione familiare. Ritengo però che questa potesse essere l’unica strada percorribile per tutelare al massimo la sicurezza dei nostri bambini e degli operatori che lavorano quotidianamente nel nido. Ringrazio i genitori per la comprensione e la collaborazione dimostrata e le operatrici che già da domani si attiveranno per preparare il trasferimento dei materiali didattici. Nel frattempo stiamo già lavorando per avere pronta, a settembre, una sistemazione definitiva che non potrà essere quella che stiamo improntando per questa emergenza né il ritorno nella struttura di via Petrarca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X