facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Sinistra unita, civici e delusi del M5S
Ecco i candidati di Altra Idea di Città
«Siamo un laboratorio unico in Italia»

ELEZIONI – Presentata la lista completa dei 32 candidati al Consiglio comunale del movimento civico. Raggiunto l'accordo con Articolo 1 – Mdp, c'è Luca Bonventi candidato, insieme con i fondatori di A2O. Rubini: “Siamo l'unica lista civica che è nata e si è formata sulla base di un percorso aperto, plurale e democratico. Abbiamo raccolto le migliori energie politiche e civiche di Ancona”
Print Friendly, PDF & Email

Francesco Rubini

 

 

Altra Idea di Città svela tutti i suoi 32 nomi candidati al Consiglio comunale. Dagli esponenti della sinistra alternativa al Pd, fino al co-fondatore del M5S anconetano, deluso dai pentastellati, passando per i ragazzi fondatori dell’associazione giovanile A2O, ecco il movimento civico che si presenta come novità delle prossime elezioni amministrative del 10 giugno. “Siamo l’unica lista civica che è nata e si è formata sulla base di un percorso totalmente aperto, plurale, democratico e assembleare” spiega il candidato sindaco Francesco Rubini. “Siamo riusciti a raccogliere le migliori energie politiche e civiche di questa città: tutta la componente della sinistra anconetana, che da anni non condivide più nulla con il Pd, adesioni da pezzi importanti, come Stefano Stefanelli, due fondatori e candidati nel 2013 di A2O. Raccogliamo le migliori esperienze di quello che abbiamo definito il pensiero critico anconetano”. Un vero esperimento politico, che Altra Idea di Città porta all’esame degli elettori, sottolineando che Ancona sarà l’unico capoluogo di regione al voto a giugno, e avrà gli occhi puntati di tutta Italia. Ecco allora i candidati, presentati questa mattina in piazza Roma: dai 20 ai 74 anni, donne al 40%, residenti del centro, dei quartieri periferici e delle frazioni, cittadini provenienti da altre regioni, un terzo della lista, e multietnici, esponenti locali e nazionali del civismo e dell’altra economia, ex dirigenti nazionali e segretari locali dei partiti della sinistra fino al co-fondatore del Movimento 5 Stelle cittadino, artigiani e professionisti, disoccupati e pensionati. Guida del movimento, eletto dall’assemblea degli aderenti, è il candidato sindaco Francesco Rubini, ventisettenne praticante avvocato. Con lui, la capolista Catia Mastantuono, esponente nazionale del civismo e della finanza etica, per proseguire con Loretta Boni, storica attivista dei movimenti e dei partiti della sinistra, ex segretario comunale Pci, Valerio Cuccaroni, rappresentante dell’associazionismo e intellettuale legato a Le Monde Diplomatique, l’imprenditore startupper Luciano Mariani e Riccardo Picciafuoco, urbanista e membro del Forum nazionale per il Paesaggio.  L’unità politica trasversale è garantita dalla presenza di esponenti di tutti i partiti della sinistra, dal coordinatore anconetano di Articolo 1 Mdp Luca Bonventi a Ennio Pattarin di Sinistra Italiana fino al co-fondatore di Ancona 5 Stelle Stefano Stefanelli, dagli avvocati Francesco Boldrini e Giacomo Curzi, in passato coordinatore regionale Fgc il primo e vicepresidente della 1^ Circoscrizione il secondo, al militante Salvatore Cammarata. Tanti gli esponenti del civismo, come l’artista impegnato nei movimenti per i beni comuni Oskar Barrile, gli attivisti per il commercio equo e solidale Francesco Graziosi. Marco Provinciali, con Patrizia Talevi del mondo socio-sanitario. Rappresentate tutte le fasce d’età, dallo studente Giovanni Belegni di 20 anni, ai 74 anni della pensionata Francesca Moretti, nome noto del teatro cittadino. Otto sono gli under 30: oltre Belegni, Samuele Gherardi, Giacomo Gnemmi, Maria Victoria Kouame, Riccardo Palombini, Michele Pietroni, Marta Rossini e Giacomo Sabbatini. Il 40% dei candidati è costituito da donne, dipendenti e dirigenti pubbliche, artigiane e professioniste come la restauratrice Lucia Capurso, la maestra Edelvais Cesaretti e l’ingegnere Silvia Matricardi. Il 30% dei candidati è composto da cittadini orginari di di altre regioni, ma da anni impegnati nelle loro attività lavorative e professionali nel tessuto cittadino, come la commercialista Barbara Paradiso, l’ingegnere e libraia Manuela Corvi, il giornalista d’inchiesta e direttore del mensile free press Urlo Giampaolo Milzi, l’educatrice Sara Evangelista, la naturopata Silvia Lastei. Una candidata, Kouame, è immigrata di seconda generazione: figlia di madre italiana e padre ivoriano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X