facebook rss

Crolla una parete
e il tetto di un’abitazione:
paura ad Albacina

FABRIANO - Si tratta di una casa in muratura già inagibile e quindi disabitata per via dei danni dell'ultimo terremoto. Se ne sono accorti gli unici abitanti di quella zona di Albacina, avvertendo il fragore delle macerie in caduta libera, oggi pomeriggio. L'intervento dei Vigili del fuoco per mettere in sicurezza l'area
Print Friendly, PDF & Email

Crolla parte del tetto e una parete, paura ad Albacina. L’incidente è avvenuto oggi  pomeriggio nella frazione di Fabriano dove si è registrato il cedimento di una parete di una casa in muratura, già inagibile e quindi disabitata per via dei danni dell’ultimo terremoto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco  di Fabriano allertati da una vicina che sentito il fragore delle macerie e passando di là ha visto i danni. L’edificio si trova nel centro storico di Albacina, in via del Castello. Si tratta di una casa costruita con muri a sacco, vale a dire con muratura e pietra, già dichiarata inagibile per i danni del terremoto di Ottobre 2016, che oggi pomeriggio ha collassato. La casa subito il crollo di parte della copertura e di una parete che si affacciava su via del Borgo. I vigili del fuoco sono intervenuti mettendo in sicurezza e chiudendo la strada di via del Borgo, da una decina di metri dopo l’arco dove è avvenuto il crollo al civico 10. Non è, purtroppo, l’unica casa a versare in pessime condizioni. Sono circa una decina le costruzioni con medesime caratteristiche che sono inagibili e rischiamo di cadere, fanno sapere i vigili, ma nessuno vi abita. Sono solo due le famiglie in quella parte di frazione. Nessuna persona coinvolta. La casa dovrà probabilmente essere demolita. La notizia è rimbalzata sui social media prima ancora di essere segnalata nelle sedi istituzionali. Il sindaco Gabriele Santarelli ha pertanto ribadito, sempre sui social media, che le «segnalazioni dovrebbero arrivare anche negli uffici del Comune con una procedura diversa dalla pubblicazione delle foto su Facebook». (S. B.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X