facebook rss

Record di donazioni e trapianti
di organo nelle Marche,
a luglio il picco

ANCONA - I dati presentati da ospedali riuniti. Boom a luglio, con il capoluogo protagonista. Dal 2005, anno di inizio dell'attività di trapianto gli interventi effettuati sono stati 982. Le sfide future, il trapianto di rene da vivente e quello cuore fermo
venerdì 27 Luglio 2018 - Ore 11:32
Print Friendly, PDF & Email

da sx, Francesca De Pace, coordinatrice regionale trapianti, il rettore della Politecnica, Sauro Longhi, il direttore generale di Ospedali riuniti, Michele Caporossi, Marco Vivarelli, direttore della clinica di Chirurgia Epatobiliare, Pancreatica e dei Trapianti dii Ospedali riuniti di Ancona

 

 

Donazioni e trapianti di organi, è boom nelle Marche: 47 interventi, 34 donatori. Picco proprio nel mese di luglio. A tracciare il quadro, il direttore generale di Ospedali riuniti di Ancona, Michele Caporossi, affiancato da Marco Vivarelli, direttore della clinica di Chirurgia Epatobiliare, Pancreatica e dei Trapianti di Ospedali riuniti, la coordinatrice regionale dei trapianti, Francesca De Pace, ed il rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Sauro Longhi. Il record di donazioni di organi e di trapianti si è registrato nei primi 7 mesi del 2018 nelle Marche: 53 donatori segnalati, cioè potenziali, di cui solo quattro inidonei, 34 donatori (con un tasso di 38 per milione di abitanti), 16 opposizioni e 47 trapianti effettuati. Ventisei sono stati i trapianti di fegato e 21 quelli di rene. Numeri che portano le Marche ai vertici della classifica nazionale, se rapportati alla popolazione marchigiana, poco più di un un milione e mezzo di abitanti.

A luglio il picco massimo dell’ultimo periodo: 8 donatori su 13 potenziali e 10 trapianti, con Ancona protagonista tra il 16 e il 22 luglio: 4
donatori e 10 trapianti. Un boom, cifre simili di solito si registrano nell’arco di un anno, con un incremento di donatori legato agli incidenti stradali, ma anche a ictus e patologie cerebrovascolari a causa del caldo.

Dal 2005 il Centro Regionale Trapianti di Ancona ha effettuato 982 interventi, «presto arriveremo a mille» ha annunciato il direttore generale di Ospedali riuniti di Ancona, Michele Caporossi.

Tra i tanti successi, il secondo trapianto di rene in Italia da donatore Hiv positivo a ricevente Hiv positivo. La mortalità è in calo. L’ultimo decesso legato ad un trapianto a Torrette risale al febbraio 2017. Nelle Marche ci sono 16 rianimazioni che generano donatori, di cui quattro rianimazioni nell’ambito dell’ospedale regionale di Torrette, 13 i medici coordinatori ospedalieri di donazione, un Centro Regionale Trapianti (Crt), un centro trapianti fegato e rene. L’attività di donazione è iniziata nel ’98 con l’adesione al Nord Italia Transplant. I trapianti sono cominciati nel 2005. Tra i prossimi progetti, quello nazionale relativo al trapianto di rene da vivente, la donazione cuore fermo, ovvero da cadavere, l’attuazione di un progetto nazionale sulla donazione (Csr) e la sinergia con l’Umbria.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X