facebook rss

Sequestrato un centro di rottamazione
abusivo: pericolo danno ambientale,
una persona denunciata (Video)

ARCEVIA - A finire nei guai un uomo residente in città che da tempo esercitava il mestiere di meccanico abusivamente. Sequestrati veicoli, ricambi auto, targhe e carte di circolazione. La Procura indaga anche per inquinamento ambientale prodotto dagli olii e combustibili delle parti meccaniche degli autoveicoli, potenzialmente percolati nel suolo
sabato 11 Agosto 2018 - Ore 16:15
Print Friendly, PDF & Email

Il sequestro dell’officina abusiva di Arcevia

 

Sotto sequestro un centro di rottamazione abusivo ad Arcevia scoperto dai forestali delle stazioni dei carabinieri di Arcevia, Sassoferrato, Senigallia e Montegiorgio. I militari hanno trovano vicino all’officina 30 autoveicoli in stato di abbandona, subito sequestrati, insieme all’officina abusiva con ponte idraulico, e a migliaia di parti di ricambio e pneumatici fuori uso. Ma anche targhe, certificati di proprietà e carte di circolazione. Denunciato per i reati di gestione illecita di rifiuti pericolosi, gestione abusiva di veicoli fuori uso, falso e truffa un uomo residente ad Arcevia e che da tempo esercitava abusivamente la professione di meccanico. Per l’uomo sono scattate anche le sanzioni per oltre 50mila euro per aver esercitato abusivamente l’attività di autoriparatore.

L’apposizione dei sigilli all’officina abusiva

 

Sul posto i militari hanno rinvenuto anche numerose carcasse di veicoli in disuso, unitamente a veicoli radiati per esportazione, per rottamazione o gravati da fermo amministrativo, per i quali il proprietario dell’area non aveva alcun titolo di detenzione.

Le indagini, dirette dal sostituto procuratore Valentina Bavai sono orientate ad individuare l’esatta provenienza dei veicoli rinvenuti e con l’ausilio dell’Arpam, accertare anche l’eventuale inquinamento ambientale prodotto dagli olii e combustibili provenienti dalle parti meccaniche degli autoveicoli, potenzialmente percolati nel suolo.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X