facebook rss

Numeri da record
per il Summer Jamboree:
35 mila presenze giornaliere

SENIGALLIA - I festival si riconferma uno degli eventi più amati dell’estate europea. L’obiettivo è stato raggiunto: creare ancora stupore e entusiasmo di fronte a una storia, quella del rock’n’roll e dei mitici anni '40 e '50
Print Friendly, PDF & Email

Il foro annonario per l’evento di chiusura del Summer Jamboree

 

Un successo sempre più travolgente, capace di attrarre in quasi due settimane centinaia di migliaia di persone. Si è chiuso ieri sera la 19esima edizione del Summer Jamboree, in scena a Senigallia dall’1 al 12 agosto. Il festival  ha registrato una media di 35/40 mila presenze giornaliere con picchi importanti nei giorni clou, dimostrandosi in grado di riempire e far vivere tutti gli spazi del prestigioso programma musicale che ha visto 42 concerti distribuiti su 5 palchi, di cui 39 ad ingresso gratuito oltre a decine di ore di Record Hop con una specializzata crew di Dj internazionali. Al di là dell’incremento dei numeri, da anni ormai comunque molto importanti, l’obiettivo cui organizzatori ed Amministrazione Comunale guardano con maggiore cura e attenzione è la qualità del vissuto da parte del pubblico e della città. Quel senso di magia che si crea ad ogni edizione. Lo si è visto negli occhi e nei sorrisi delle centinaia di migliaia di fan arrivati a Senigallia da tutto il mondo. Lo si è visto di fronte alla qualità artistica della programmazione che ha portato in Italia, in esclusiva, tantissimi idoli, testimoni e protagonisti della storia del R’n’R sia dagli Stati Uniti che da tutta Europa, offrendo un ventaglio di sfumature a 360 gradi, dagli anni Venti all’exotica, dal bluegrass, allo swing, dal rockabilly, al country fino al gospel. Lo si è visto negli occhi e nei sorrisi di quegli stessi artisti ospiti, icone della storia del R’n’R tra cui David Marks (Beach Boys), Dean Torrence (Jan&Dean), la Surf City Allstars (USA), Brian Hyland (USA) o leader della scena attuale come Dale Watson (USA), o anche giovanissimi talenti che stanno portando avanti con passione e rispetto quell’eredità come The Country Side of Harmonica Sam (SWE) o i Chicago Stompers (ITA) solo per fare qualche nome. Il racconto di queste emozioni e di quelle trascorse ha visto un boom di contatti anche sui social, a partire dai video dedicati alla XIX edizione del Summer Jamboree, a cura del regista Sergio Canneto e del suo team, che in queste settimane hanno superato le 850.000 visualizzazioni. Gli hashtag #SummerJamboree #SummerJamboree2018 hanno visto solo su instagram oltre 12.000 post. “Sono state superate tutte le più rosee previsioni – afferma il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi -. Questa edizione è da record sia per qualità di spettacoli ed venti sia per qualità di pubblico. Molto azzeccato anche il nuovo format della festa hawaiiana capace di guardare oltre. Il Summer Jamboree, da tempo protagonista dell’estate marchigiana, rappresenta un fiore all’occhiello per tutto il turismo regionale”. Piena soddisfazione ed entusiasmo da parte degli organizzatori del Festival Angelo Di Liberto e Alessandro Piccinini: “Ringraziamo dal profondo del cuore tutte quelle persone che con la loro professionalità ed il loro amore hanno reso possibile, a vario titolo e modo, la realizzazione di un’edizione così importante del Festival. Ognuno ha messo una parte fondamentale di sé affinché tutto questo potesse accadere nel migliore dei modi possibili. Siamo davvero felici di questa XIX edizione del Summer Jamboree. Oltre alle presenze importanti registrate durante tutte le giornate, siamo orgogliosi di come tutte queste persone abbiano risposto alle proposte del Festival. Cerchiamo ogni anno di superare in qualità il lavoro dell’anno precedente, ed avevamo messo asticelle abbastanza alte da riuscire ad oltrepassare. Tra queste l’appuntamento con l’Hawaiian Party in riva al mare, in cui siamo riusciti a portare un’atmosfera di festa gioiosa e in qualche modo “intima” stante le oltre 6000 persone accorse che si sono ritrovate a vivere un evento da sogno”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X