facebook rss

Donne abusate dentro l’ospedale
di Torrette, clochard arrestato
per violenza sessuale

ANCONA - L'uomo, un 35enne romeno senza fissa dimora che avrebbe trovato riparo per la notte all'interno del nosocomio, è finito in manette questo pomeriggio con l'accusa di violenza sessuale. A denunciarlo, una delle sue vittime. Sarebbe una connazionale, anche lei dimorante abusivamente nella struttura sanitaria. L'arresto è stato eseguito dai carabinieri di Collemarino
martedì 21 Agosto 2018 - Ore 23:41
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale di Torrette (foto d’archivio)

 

Avrebbe abusato sessualmente di almeno un paio di donne all’interno dell’ospedale di Torrette, in quelle stanze vuote dove riescono ad intrufolarsi i clochard per passare la notte: 35enne romeno in manette. L’uomo, senza fissa dimora, è stato arrestato questo pomeriggio proprio nei pressi del nosocomio regionale mentre stava facendo l’elemosina. È stato associato al carcere di Montacuto a disposizione dell’autorità giudiziaria dopo l’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip. L’accusa è violenza sessuale. A condurre l’operazione sono stati i carabinieri della stazione di Collemarino, ai quali qualche settimana fa si è rivolta una delle vittime. Anche lei è senza fissa dimora come il suo molestatore e le violenze, stando a quanto raccontato dalla donna, sarebbero avvenute all’interno dell’ospedale, rifugio che aveva raggiunto per non dormire in strada. Proprio qui ha trovato il suo presunto aguzzino. Non ci sarebbe stato tra i due un solo episodio di violenza. E la denunciante non sarebbe l’unica vittima. Almeno un’altra donna, anche lei senza fissa dimora e alla ricerca di un riparo a Torrette, sarebbe finita nelle grinfie del 35enne, già conosciuto dalle forze dell’ordine per fatti di accattonaggio nei pressi del nosocomio regionale. Il romeno è in attesa dell’interrogatorio di garanzia che verrà fissato dal gip nei prossimi giorni. Potrà decidere se rimanere in silenzio oppure difendersi dalle accuse che gli muove la procura. Le indagini sono tutt’altro che concluse: si cercano altre eventuali vittime finite nel mirino del romeno.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X