facebook rss

Un tuffo nel passato,
va in scena “Rivivi 700”

OSIMO - Torna la quarta edizione di una degli appuntamenti più attesi dell'estate osimana con giochi, stand enogastronomici e musica barocca
Print Friendly, PDF & Email

 

Un salto indietro di 300 anni e Osimo si tufferà di nuovo nelle atmosfere del ‘700. Tutto pronto per la IV edizione di “Rivivi 700”, la kermesse che si svolgerà sabato 25 agosto a partire dalle 18.30 in corso Mazzini. Alla base della festa ci saranno alcuni capisaldi intoccabili, tra cui il corteo storico, che partirà tra piazza Giacomo Leopardi e vicolo Niccoli, con un incremento di figuranti e la presenza, a scandire i passi dei nobili, di dieci elementi della banda cittadina diretta dal M° Marco Guarnieri. L’atmosfera unica del concerto barocco allestito nell’atrio del palazzo comunale è un baluardo imprescindibile per questa rievocazione: clavicembalo (Riccardo Lorenzetti), tiorba (Matilde Oppizzi), tromba barocca (Marcello Trinchero) e flauti dolci (Valerio Febbroni) accompagneranno il bel timbro della soprano Rosa Sorice con “le donne, i cavalieri, l’arme, gli amori”, pubblico e nobili scenderanno nel palchetto allestito alle ore 21.15. Dalle 18.30 alle 22.30 sarà possibile visitare, accompagnati da una guida, Palazzo Sermosi, antica dimora dei Gallo, poi dei Carradori, dei Montanari e oggi in vendita, con un meravigliosa vista sul teatro e all’interno delle sale un piccolo intrattenimento per i visitatori. Alle 18.45 sfilerà fino a Piazza Duomo il corteo che accompagnerà la consegna della fiamma in onore di S.Tecla, dove sarà consegnata nelle mani di Don Roberto Pavan cinto dal piviale originale del Cardinale Orazio F. Spada. L’antica ricetta dei princesgrass del cuoco maceratese Antonio Nebbia e altre delizie dell’epoca potranno essere degustate nel chiostro del convento S.Giuseppe da Copertino a partire dalle 20. Per i più piccoli sarà possibile iscriversi al laboratorio e seguire la lettura del celebre libro di Dumas “I tre moschettieri” alla libreria Il mercante di storie dalle ore 21.15. Dopo il concerto barocco, il pubblico è invitato a unirsi alla celebrazione e ai festeggiamenti per il matrimonio della nobildonna osimana Costanza Dionisi e Matteo Monti di Senigallia alla chiesa del Sacramento alle ore 22: la scena è tratta dal vero rito matrimoniale consumatosi nel 1765. Alessio Rosati del gruppo sbandieratori di Offagna, vincitore della scorsa edizione, e Danilo Filipponi, sbandieratore del gruppo La Pandolfaccia di Fano si contenderanno la palma d’oro nel tradizionale ballo dell’insegna alle 22.30 in piazza Duomo. Grande chiusura con i volteggi e i giochi di luce e di fuoco dei Fuochi fatui in piazza del comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X