facebook rss

‘Se c’è una strada sotto il mare’,
musica e incontri d’autore

CHIARAVALLE - La rassegna comprende si articolerà in tre serate, dal 30 agosto al 14 settembre, nel cortile sul retro della Biblioteca Comunale
martedì 28 agosto 2018 - Ore 14:50
Print Friendly, PDF & Email

Dal 30 agosto al 14 settembre, presso la Biblioteca Comunale “Massimo Ferretti” di Chiaravalle, la suggestiva cornice del cortile sul retro ospiterà la seconda edizione di “Se c’è una strada sotto il mare”: una rassegna di musica e incontri d’autore con sullo sfondo il tema dei confini, degli sconfinamenti e del dialogo interculturale, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Chiaravalle. Si inizia giovedì 30 agosto con l’esibizione del cantautore Michele Donati, il cui repertorio spazia tra canzoni composte da lui stesso, con l’intento di trasformare ferite e sconfitte in occasioni di crescita, e cover di brani scritti da artisti che condividono i suoi stessi ideali di uguaglianza e di inclusione sociale. La performance sarà intercalata dalla presentazione del libro “Una città per la pace”, che gli autori Giorgio Candelaresi e Giuseppe Santoni hanno dedicato alla Scuola di Pace “Vincenzo Buccelletti” di Senigallia: una realtà tanto rara quanto preziosa, scaturita dalle iniziative che nei decenni passati alcuni gruppi attuarono ispirandosi all’antinucleare, al disarmo, alla pace e all’impegno politico per una cittadinanza attiva, e approdata ora ad un nuovo traguardo, quello di dilatare gli orizzonti al di là della globalizzazione verso le sfide proposte da un nuovo umanesimo.

Si proseguirà venerdì 7 settembre con lo swing e il bebop della Reunion Jazz Band (Isabella Celentano alla voce, Andrea Donzelli al piano, Giordano Pietroni al contrabbasso, Francesco Vitale alla batteria) e la presentazione del libro “Chi brucia. Nel Mediterraneo sulle tracce degli harraga” (un reportage del giornalista Marco Benedettelli sulla cosiddetta primavera araba e sull’esodo migratorio che ne è derivato), per poi concludere venerdì 14 settembre con l’abbinamento tra la musica popolare del Gruppo Folk Vincanto (nel nuovo organico formato da Roberto Raponi alla voce, Simone Bompadre alla chitarra e all’organetto, Matteo Berti all’organetto, Francesco Bufarini al violino, ai tamburelli e alla chitarra) e l’incontro letterario con Silvano Sbarbati (del quale conosceremo l’ultimo libro “Un’altra città”).

Per Francesco Favi, confermato due mesi fa assessore alla Cultura di Chiaravalle, “alla base di ciò che Italo Calvino chiamava ‘l’inferno dei viventi’ e a cui diamo nomi come paura, invidia, odio, int0lleranza, razzismo, c’è quasi sempre una incapacità di riconoscere l’altro e di accettare una ‘verità in movimento’. Ma, per quanti muri possiamo costruire allo scopo di difendere le nostre fragili certezze, per quanto possiamo credere che l’identità vada salvaguardata attraverso dei confini o dei conflitti, non smetteremo mai di scoprire che l’essere umano è tale in quanto viaggiatore. E con queste tre serate proveremo a (rin)tracciare vecchie e nuove strade, nel mare e nel cuore”. Ingresso gratuito. Info: Ufficio Cultura (071.9499266)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X