facebook rss

‘Settembre lauretano’,
tra rievocazioni in costume,
fede e Corsa del Drappo

LORETO - Tra gli eventi più rappresentativi, annunciati stamattina in conferenza stampa, la Processione della Statua della Madonna di Loreto, la rievocazione della visita alla città mariana del Re Vittorio Emanuele II con sfilata in costume d’epoca, il corteo storico dei Rioni e la sempre attesa corsa dei cavalli al galoppo sulla salita di Montereale
Print Friendly, PDF & Email

La corsa del Drappo di Loreto (foto d’archivio)

Il sindaco Paolo Niccoletti con il rettore della Santa Casa, padre Franco Carollo, stamattina durante la conferenza stampa

Rievocazione e condivisione con tutto il territorio di riferimento sono gli elementi di congiunzione delle Festività lauretane, che, concepite nel mese di settembre, rappresentano un patrimonio irrinunciabile per Loreto, vissuto all’insegna della spiritualità, dell’arte e della cultura: un’opportunità per la cittadinanza di riconoscersi nelle radici della propria appartenenza civica e storica. Il Settembre lauretano, che celebra la Natività della Beata Vergine Maria, conferma così, una volta di più, Loreto come città aperta. “Le Festività fanno parte integrante del nostro patrimonio, ne rappresentano un richiamo alla tradizione e un’occasione di rafforzamento identitario. Lo attesta la grande partecipazione, non solo del pubblico agli eventi, ma anche quello delle realtà associative organizzatrici impegnate insieme al Comune”, ha spiegato il sindaco Paolo Niccoletti nel corso della conferenza stampa di presentazione, insieme all’assessore al Turismo Fausto Pirchio e quello alla Cultura Luca Mariani. All’incontro era presente Franco Carollo, Rettore della Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto.

La giunta comunale di Loreto con il sindaco Paolo Niccoletti (al centro. L’assessore Pirchio è il primo a destra

“La piena collaborazione tra amministrazione e le diverse realtà come la Delegazione Pontificia, o soggetti associativi, come l’associazione Storico Culturale Rioni della città di Loreto, conferma come sia sentito il Settembre Lauretano, che restituisce alla popolazione significativi momenti di storia cittadina avvicinandola alla propria tradizione”, ha chiarito l’assessore al Turismo Fausto Pirchio. “I momenti culturali sono parte integrante di una manifestazione che dimostra come Loreto sia una notevole risorsa per tutto il territorio anche dal punto di vista artistico”, ha detto l’assessore alla Cultura Luca Mariani.  La manifestazione, che gli amministratori garantiscono sarà realizzata sotto il pieno controllo della vigenti norme sulla sicurezza, si caratterizza per una serie di incontri rievocativi in costume di particolare suggestione, soprattutto ottocentesca, come, il 5 settembre, l’arrivo del Re Vittorio Emanuele II nella città mariana dopo la battaglia di Castelfidardo: appuntamento realizzato attraverso la rappresentazione degli antichi mestieri loretani e la sfilata in centro storico. Segue in serata la consegna dei doni dei Rioni cittadini alla Madonna. Il 6 settembre il Corteo Storico dei Rioni, accompagnato della Banda Città di Loreto, a seguire la celebre, e da quest’anno nuovamente notturna, Corsa al Drappo, tradizionale corsa dei cavalli in salita, a Montereale (21.30).

La Santa Casa di Loreto (foto Giusy Marinelli)

Gli appuntamenti di carattere spirituale sono previsti il 7 settembre con la Processione della Statua della Madonna di Loreto, l’8 con la celebrazione eucaristica presieduta da Monsignor Pietro Fragnelli, Vescovo di Trapani, l’accensione della Lampada per l’Italia alla Basilica della Santa Casa e la recita dell’Angelus con la consegna della Targa “Città di Loreto”. Molteplici, al di là delle rievocazioni storiche e dei momenti spirituali, gli eventi che accompagnano la manifestazione come “360°Festival Microteatro e non solo” in collaborazione con Teatri Uniti Loreto (dal 31 agosto al 2 settembre), il 3 settembre l’Apericena Lauretano e il concerto jazz “Swing sotto le stelle” in piazza Garibaldi, il 4 settembre la Cena dei Rioni con lo spettacolo di Lando e Dino, quindi la Festa della Birra di Altotting (dal 6 al 9, ventitreesima edizione), con stand bavaresi, quindi la Fiera in via Sisto V (7 – 8 settembre) e, 7 settembre, il concerto Folk Pifaround, in collaborazione con Premio Internazionale Fisarmonica di Castelfidardo, in piazza Papa Giovanni XXIII, mentre l’8 settembre, in sequenza, la presentazione del progetto spiritualità famigliare, il Pellegrinaggio Podistico, il Concerto della Fanfara dell’Aeronautica Militare e la Tombola urlata. Chiude lo spettacolo pirotecnico delle 23.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X