facebook rss

Ospedale Fabriano, il sindaco
scrive all’Asur: “Mancano anche
diabetologo e neuropsichiatra

SANITA' - Dopo i solleciti per assumere pediatri a garanzia della sopravvivenza del reparto materno infantile, il primo cittadino fabrianese ha inviato una lettera al dg dell'Area Vasta 2 per sollecitare l'assunzione di queste figure mediche indispensabili per i servizi territoriali.
Print Friendly, PDF & Email

(Foto d’archivio)

Non mancano solo i pediatri all’ospedale di Fabriano, ma anche il diabetologo e il neuropsichiatra. Dopo i solleciti per assumere pediatri a garanzia della sopravvivenza del reparto materno infantile, il sindaco Gabriele Santarelli rileva nuove criticità per la sanità locale in una lettera inviata al dg dell’Area Vasta 2. “Abbiamo bisogno di risposte immediate” scrive il primo cittadino di Fabriano nella missiva che evidenzia due situazioni difficili, segnalate dagli stessi utenti per i servizi territoriali. “La prima – puntualizza il sindaco – coinvolge il servizio diabetologia che ad oggi è seguito dal Dott. xxxxx che è presente un solo giorno a settimana e supportato dal Dott. xxxxx che però opera solo i controlli e non le prime visite. Il servizio coinvolge circa 3000 assistiti e riesce ad eseguire solo 6 prime visite a settimana con conseguente calendario pieno fino a fine 2018 e completa assenza di agenda per il 2019. In conseguenza di questo molti utenti si rivolgono all’ospedale di Branca con tutte le conseguenze economiche che ben conosciamo”. Poi ricorda che nell’ultimo anno il servizio ha perso 3 professionisti: un medico è stato trasferito a Jesi nel 2017, una dottoressa in mobilità all’Inrca a maggio 2018 e un altro sanitario è andato in pensione nello scorso mese di luglio.

Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli

“Quello che sorprende è come per un servizio di questo tipo non sia stata improntata alcuna programmazione per compensare le cessazioni largamente previste – osserva Santarelli – e per ricoprire il posto della mobilità autorizzata a poche settimane dal pensionamento del Primario arrivando ad avere in un solo anno da 3 a zero professionisti. La mancanza del professionista priva il servizio dei piani terapeutici, dei materiali per il monitoraggio e di altri sevizi quali la possibilità di ottenere la patente di guida per la quale è necessario l’accertamento. Sono stato informato che nell’Area Vasta 4 è attualmente presente una graduatoria per tempo determinato valida fino ad ottobre del 2018 dalla quale si potrebbe attingere. Chiedo se questa ipotesi sia stata presa in considerazione e di essere informato circa le soluzioni che si stanno mettendo in atto per risolvere questo problema non secondario”.

Ma è nevralgica anche la presenza in servizio di un neuropsichiatra che al momento manca a Fabriano, Diventa pertanto impossbile “ ad esempio, poter redigere programmi di assistenza per il nuovo anno scolastico per i ragazzini che ne hanno bisogno. – sottolinea il sindaco nella lettera inviata al direttore Maurizio Bevilcqua – Ritengo anche questo problema piuttosto grave e chiedo quali soluzioni si stanno affrontando. In questo caso si tratta di dare certezze e serenità a famiglie già duramente provate”.

Punto nascite, Luca Ceriscioli, “Serve la deroga ministeriale e i pediatri mancano in tutta Italia”

Punto nascite di Fabriano, il sindaco accusa: “La Regione ha presentato al ministero una finta richiesta di deroga”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X