facebook rss

Fiera di Crocette, Oipa denuncia:
“Esposizione prolungata
degli animali in vendita”

CASTELFIDARDO - Le guardie zoofile dell’associazione animalista contestano l’ordinanza sindacale in che ha consentito di aggirare il regolamento comunale. Invece di sole 5 ore, è stata resa possibile la vendita degli animali per l’intera giornata
Print Friendly, PDF & Email

Un momento conviviale della manifestazione ‘Crocette in festa’

La storica fiera interregionale di Crocette organizzata dalla parrocchia SS Annunziata, associazione Pro Crocette e circolo Acli, contempla anche la vendita di animali. La manifestazione torna ad essere attenzionata dalle associazioni ambientaliste ed animaliste. Con il ritorno della fiera “Crocette in festa” nel Comune di Castelfidardo, anche quest’anno le guardie zoofile dell’Oipa di Ancona sono infatti intervenute per controllare che l’annuale esposizione e vendita di animali fosse limitata alle sole 5 ore, come previsto dal Regolamento Comunale sulla tutela degli animali da affezione. “Un regolamento, purtroppo, che è stato aggirato proprio grazie ad un’anacronistica deroga emessa dal sindaco, che ha reso possibile la vendita e l’esposizione degli animali per l’intera giornata.- evidenzia in una nota stampa l’associazione – Una scelta vergognosa e diseducativa, considerando le temperature calde di questi giorni e l’elevato numero di persone presenti durante la fiera, proprio perché ha ignorato l’unico strumento di tutela Del benessere degli animali che, esposti come oggetti, hanno dovuto subire per troppe ore le già stressanti condizioni della fiera”. Rocco Coretti, coordinatore regionale guardie zoofile Oipa Marche rileva come “in una società sempre più attenta e sensibile al rispetto per gli animali non possiamo accettare l’annullamento di quelle stesse regole elaborate per tutelarne il benessere e prevenirne il maltrattamento, proprio come avvenuto lo scorso anno con la messa in palio dell’agnellino come ‘premio’, pratica vietata dal regolamento stesso. Le deroghe e le ordinanze, lungi dall’essere peggiorative, dovrebbero sempre puntare al miglioramento delle condizioni degli animali, ed è per questo che ribadiamo la nostra disponibilità già presentata lo scorso anno per la riscrittura dell’attuale Regolamento Comunale di tutela animali”.

Agnello in premio, gli organizzatori: «Pagheremo la multa, ma l’animale non è stato maltrattato»

Agnello tra i premi in palio alla festa parrocchiale: gli animalisti ‘bombardano’ con mail di protesta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X