facebook rss

Festival Giornalismo d’Inchiesta:
premiata Federica Angeli,
cronista sotto scorta (Video)

OSIMO - Ieri sera a Osimo la giornalista di Repubblica, autrice di numerose inchieste sulla criminalità organizzata romana e del libro 'A mano disarmata', ha ricevuto il premio “Giornalisti in prima linea”
domenica 23 Settembre 2018 - Ore 13:08
Print Friendly, PDF & Email

Federica Angeli ieri sera ad Osimo, ospite del Festival del Giornalismo d’Inchiesta delle Marche

Sala conferenze dell’hotel ‘La Fonte’ gremita di pubblico, ieri sera ad Osimo, per ascoltare Federica Angeli. La giornalista di Repubblica, dopo le minacce dei clan, vive sotto scorta da 5 anni insieme alla famiglia per le sue inchieste sulla mafia e la criminalità organizzata romana,  che controlla anche attività economiche sul litorale di Ostia. Cronista di nera e giudiziaria, al Festival del giornalismo d’inchiesta delle Marche ha raccontato la ‘normalità’ (“tutti possono farlo”) della sua scelta, rivissuta anche attraverso le pagine del libro autobiografico ‘A mano disarmata’ da cui sarà tratto un film. La sua vita è cambiata la notte del 16 luglio 2013, quando, come testimone oculare di una sparatoria, ha deciso  di andare in caserma a verbalizzare quello a cui aveva assistito per dare un futuro migliore alla città dove vive e ai suoi figli. Ieri sera la giornalista di 42 anni ha ricevuto il premio “Giornalisti in prima linea” con la seguente motivazione: “Con ostinazione, puntigliosità, professionalità e coraggio ha dimostrato che in un paese narcotizzato dal conformismo e, troppo spesso, anche dall’omertà, il giornalismo d’inchiesta è ancora vivo. Con le sue inchieste sulla criminalità organizzata, sulla mafia e sul cosiddetto “mondo di mezzo”, con linearità, chiarezza e coraggio, ha dimostrato che si può far emergere la verità, smascherare l’illegalità e presentare ai propri lettori il volto della violenza”.

Domani sera alle ore 21:15, sempre ll’hotel ‘La Fonte’ di Osimo, Emiliano Fittipaldi, inviato dell’Espresso, sarà invece insignito del “Premio inchiesta 2018”, il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dal Festival diretta da Gianni Rossetti, organizzato dal Circolo Culturale Ju-Ter Club Osimo e dal Circolo +76, con il patrocinio del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, dell’Ordine delle Marche. Fittipaldi è stato autore di tre recenti ed esplosive inchieste che cercano di rispondere a tre domande: che fine ha fatto Emanuela Orlandi dopo la sua scomparsa il 22 giugno 1983? Chi comanda davvero al Comune di Roma? Qual è la vera storia del “Giglio magico” di Matteo Renzi?

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X