Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

‘Puliamo il mondo’, bambini
in azione sul viale delle Sigaraie

CHIARAVALLE - L’iniziativa rientra nel calendario “No Impact Days”,  nel Pofg territoriale e nella programmazione “Città senza muri” e si allinea alla storica campagna di Legambiente contro l’abbandono dei rifiuti
Print Friendly, PDF & Email

Gli studenti di Chiaravalle ripuliscono il viale delle Sigaraie

Mattinata piacevolmente soleggiata e all’insegna della cura ambientale quella di sabato 20 ottobre a Chiaravalle, Mentre presso l’anfiteatro Unità d’Italia si teneva “Ri-puliamo la nostra città” (attività dedicata mese per mese a zone diverse della città e organizzata dagli Assessorati all’Ambiente e al Decoro Urbano con la libera partecipazione dei cittadini), gli alunni di scuola primaria degli Istituti Comprensivi “Rita Levi-Montalcini” e “Maria Montessori” – rispettivamente la V A e la V B con le relative insegnanti – hanno partecipato a “Puliamo il Mondo”, la storica campagna promossa da Legambiente per contrastare l’abbandono dei rifiuti e favorire comportamenti eco-sostenibili. Lungo la zona pedonale e alberata di viale Marconi (una delle vie più care ai chiaravallesi, dedicata proprio alla memoria di quelle sigaraie che ne vollero la costruzione), i bambini si sono armati di guanti, sacchetti e pettorine con lo slogan “Stiamo lavorando per noi” e, scortati dalle operatrici di Legambiente Marche, hanno raccolto i rifiuti abbandonati: non moltissimi per fortuna o, per meglio dire, grazie ad un innegabile miglioramento del decoro urbano.

Per il sesto anno consecutivo tale attività è rientrata in “No Impact Days – Chiaravalle a impatto zero”: il calendario ecologico del Comune di Chiaravalle che, di edizione in edizione, si è ampliato fino ad abbracciare l’intero anno e a coinvolgere un numero crescente di scuole e di associazioni locali, rientrando per il 2018-19 nella programmazione socio-culturale “Città senza muri”. “Questo è il titolo che abbiamo scelto in un periodo dominato dalla pericolosa deriva del pensiero unico e dal dilagare di atteggiamenti che credevamo minoritari come la chiusura mentale, l’odio e l’intolleranza”, osserva Francesco Favi, Assessore alla Cultura, alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili di Chiaravalle. “E questo è anche lo sfondo del Piano dell’Offerta Formativa territoriale elaborato con le scuole perché in esso si armonizzino i tanti progetti da pensare per gli studenti e da realizzare con gli studenti. A partire, come sempre, da ‘No Impact Days’, poiché il primo muro da abbattere è l’indifferenza verso quell’insostituibile bene comune che è l’ambiente”. Al termine dell’iniziativa (cui hanno preso parte anche l’Assessore all’Ambiente Ettore Togni, la Dirigente dell’I.C. “Levi-Montalcini” Annamaria Natalini e la vicaria dell’I.C. “Montessori” Lucia Moretti) è stato rilasciato alle classi un attestato di partecipazione, per ricordare e replicare le buone pratiche acquisite durante l’evento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X