facebook rss

Ancora topi d’auto al cimitero
di via San Giovanni: sparita
una borsa con soldi e bancomat

OSIMO - La derubata ha denunciato la sparizione dei suoi effetti personali con telefonino e 350 euro in contanti. Il ladro ha utilizzato anche il bancomat rubato, prelevando altri 250 euro poi si è disfatto della borsetta. Indagano i carabinieri
mercoledì 24 Ottobre 2018 - Ore 17:41
Print Friendly, PDF & Email

Il cimitero vecchio di via San Giovanni a Osimo

Topi d’auto ancora in azione nei parcheggi dei cimiteri di Osimo. L’ultimo furto è avvenuto ieri pomeriggio tra le 17 e le 17:40, al cimitero vecchio di via San Giovanni. Sopo aver infranto il finestrino di una vettura, qualcuno ha trafugato la borsa della compagna di un agente della Polizia locale di Osimo contenente oltre agli effetti personali anche la somma di 350 euro in contanti. Dopo la segnalazione, sul posto è arrivata una pattuglia dei Carabinieri di Osimo e un equipaggio della Pm che, dopo aver ricevuto una sommaria descrizione del presunto autore del gesto hanno fatto scattare le ricerche, rivelatesi però infruttuose. Purtroppo l’area non è servita da telecamere di videosorveglianza.

Durante le ricerche, lungo via Buffarda, la strada che collega via San Giovanni a via Flaminia II nell’area di San Sabino, sono stati ritrovati a bordo strada alcuni effetti personali contenuti nella borsa ed il cellulare mentre stamattina un cittadino ha riconsegnato al Comando della Polizia Locale di Osimo, il portafogli ritrovato a terra nella frazione di San Sabino, dal quale mancavano i contanti ed il bancomat, quest’ultimo utilizzato per effettuare un prelievo di 250 euro. Partendo proprio dal prelievo all’Atm del denaro e dall’analisi dalle spycam del bancomat, i carabinieri hanno avviato le indagini dopo la denuncia per furto, formalizzata oggi pomeriggio.

Il luogo di via Buffarda dove è stata ritrovata la borsa

Osimo, razzia dei ladri al Cimitero Maggiore

Allarme furti al cimitero di via San Giovanni: le spycam non funzionano

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X