facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Violenta lite in famiglia,
madre accoltella il figlio

TRECASTELLI - Violenta lite nella notte al centro di Ripe, una madre impugna il coltello e ferisce il figlio al culmine di un diverbio. Sul posto i Carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Senigallia agli ordini del Maggiore Cleto Bucci e della Stazione di Ripe
Print Friendly, PDF & Email

Il coltello sequestrato dai Carabinieri.

di Talita Frezzi

Una chiamata di aiuto al 112 nel cuore della notte fa scattare i soccorsi verso un appartamento di via Roma al centro di Ripe, municipalità di Trecastelli. A chiamare è un ragazzo di 25 anni brasiliano, ma nato in Bolivia. “Aiuto, presto, c’è sangue, ferito…aiuto” riesce appena a balbettare al telefono. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile si precipitano e lo trovano spaventato, confuso e imbrattato di sangue al braccio sinistro e al torace. Erano le 3,15 della notte appena trascorsa. I militari allertano il 118 e accompagnano il ragazzo – che vive in un piccolo appartamento su due livelli insieme alla madre, brasiliana di 45 anni – al pronto soccorso dell’ospedale di Senigallia. Quando gli operanti chiedono cosa gli è capitato, lui poco convinto, abbozza una storia. Dice che è uscito con dei conoscenti di Ripe e che in paese dopo una passeggiata è nato un diverbio, al culmine del quale uno ha estratto un coltello e lo ha colpito. Ma non voleva dire il nome del suo aggressore, quasi a proteggere chi stava per ucciderlo. Circostanza che ha insospettito i militari, i quali hanno fatto scattare le indagini del caso. Sono tornati in casa insieme al Nucleo operativo e ai Carabinieri della locale Stazione di Ripe coordinati dal luogotenente Giampiero Lattanzi. Una perquisizione degli ambienti ha permesso di rinvenire tracce di sangue lungo il corridoio che dalla cucina porta alla camera da letto del ragazzo, dove in terra c’erano vetri rotti di bottiglia, i cocci di un piatto e la tv accesa, il letto sfatto. Sentita la madre, ha cercato di confermare la versione del figlio, sostenendo di non conoscere le persone con cui era uscito. Ma i militari si sono accorti che la donna aveva bevuto, aveva l’alito vinoso e la voce impastata. Poi, nello stesso appartamento vivono altre persone, che sentite sulle circostanze della serata, hanno riferito che quasi ogni sera madre e figlio guardavano insieme la tv sul letto fino a tardi e poi litigavano in maniera furibonda. Nessuno dei due lavora, hanno orari assurdi. E anche quella sera, verso le 3, gli stessi coinquilini avrebbero sentito urla e rumori di cocci rotti.

I Carabinieri della Compagnia di Senigallia.

Messo alle strette, il figlio ha confessato che in effetti non era stato accoltellato in paese ma dentro casa e ha raccontato una versione dei fatti molto più verosimile: verso le 3, mentre lui e la madre stavano guardando la tv dopo aver entrambi bevuto forte, sarebbe scoppiata una lite, per futili motivi. La madre gli avrebbe rotto una bottiglia in testa e gli avrebbe lanciato contro un piatto, che si è frantumato contro il muro. A quel punto lui l’avrebbe afferrata per i polsi, trascinandola in un’altra stanza e chiudendola dentro. Ma la serratura era rotta e la donna, liberatasi, è salita al piano di sopra in cucina per impugnare un coltellaccio di quelli per tagliare la carne. Ha raggiunto il figlio e gli ha sferrato due fendenti, che lo hanno raggiunto al torace e di striscio al braccio. Alla vista del sangue, lui ha chiamato aiuto intenzionato comunque a non denunciare la madre. E insieme hanno concordato la versione, che però è ben presto crollata.
Il ragazzo è stato medicato al pronto soccorso. I medici gli hanno riscontrato due ferite superficiali lacerocontuse all’avambraccio sinistro e all’emicostato all’altezza del cuore. Per fortuna sono bastati dei punti di sutura ed in mattinata era già stato dimesso con una prognosi di 15 giorni. La madre è stata denunciata dai Carabinieri per lesioni personali aggravate dall’uso del coltello, reato procedibile d’ufficio anche se il figlio non avrebbe voluto mettere nei guai la madre. Il coltello usato per l’aggressione, dalla lama di 20 centimetri, è stato sequestrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X