facebook rss

“Tipicità Made in Marche”,
la serata di gala a Valona (VIDEO e FOTO)

Un trionfo di sapori marchigiani sulle tavole di uno dei ristoranti più belli della città costiera albanese. Per la cena di gala organizzata dal consolato italiano a Valona, in occasione della settimana della cucina italiana del mondo, presenti anche il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro, il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani e il sindaco della città ospitante.
Print Friendly, PDF & Email

La console Luana Micheli

di Nunzia Eleuteri

Il conduttore radiofonico Marco Ardemagni è arrivato a Valona ieri sera per presentare la cena di gala organizzata dal consolato italiano in occasione della terza settimana della cucina italiana nel mondo. E proprio Ardemagni ha dato il benvenuto agli ospiti al Mandarian Restaurant invitando al suo fianco la console Luana Micheli a dare l’avvio alla serata:”Tipicità non è solo un brand famoso ma un modo di essere – ha esordito la console – come ho già detto in questi giorni alla delegazione dei marchigiani in Albania, il mio amore per le Marche è iniziato attraverso la musica di Rossini fino ad arrivare all’incontro con Tipicità e alle eccellenze enogastronomiche.”.

Una cena, o meglio una festa, in cui circa 200 persone, italiane ed albanesi, hanno potuto conoscersi e trascorrere ore piacevoli ma anche professionalmente proficue. Diversi infatti gli imprenditori presenti grazie all’organizzazione dello staff di Tipicità Made in Marche. Il direttore Angelo Serri ha sottolineato l’importanza di consolidare il rapporto tra due Paesi collegati da una “autostrada liquida”: il mare. E ha ringraziato la console Luana Micheli per l’ospitalità ma soprattutto per l’amore che sta dimostrando alle Marche. Quell’amore nato con la musica ed evoluto con la conoscenza di tutte le altre realtà.
La musica è un linguaggio che unisce i popoli – ha rimarcato Roberto Ascani, sindaco di Castelfidardo – e siamo qui per presentare questa nostra tipicità come aiuto a vivere meglio.”.

Il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro presentato da Marco Ardemagni

Un concetto poco prima espresso dal sindaco di Fermo giunto proprio per la serata di gala e per il gemellaggio con Berat. E’ la prima volta in Albania per Paolo Calcinaro che ha raccontato come la sua città abbia un legame anche storico con il Paese dell’altra sponda dell’Adriatico. Un legame  testimoniato dalla presenza di una rappresentazione di Scanderbeg nella Sala dei Ritratti del Palazzo dei Priori. E sempre Paolo Calcinaro ha parlato di uno sguardo al futuro in un’ottica di collaborazione, rivolgendosi al sindaco di Valona e al presidente della regione di Valona presenti in sala.

 

Da sx: il coordinatore dell’Accademia di Tipicità, Luca Facchini, con il direttore Angelo Serri

Il tour nei sapori marchigiani è stato presentato da Luca Facchini, coordinatore dell’Accademia di Tipicità ed insegnante all’istituto alberghiero Panzini di Senigallia.
Gli apertitivi al buffet hanno compreso formaggi, salumi, crostini con guanciale, ottime uova di quaglia con scaglie di formaggio di fossa, campofiloni al ragù fritti.
A tavola, gli studenti degli istituti alberghieri marchigiani hanno servito un antipasto vegetariano, i maccheroncini di Campofilone con ragù di vitellone marchigiano, il raviolino fatto a mano farcito con pecorino di fossa, il filetto di manzo al Rosso Piceno DOP ed erbe di campo. In chiusura la mousse al cioccolato con zabaione al vino cotto. E a proposito di vini, i vari piatti sono stati accompagnati dalle eccellenze de “Poderi dei colli” dell’imprenditore Giuseppe Mannocchi tra i presenti alla serata di gala.
Oltre a lui anche gli imprenditori  Alessandro Santoni di Fermo, da 45 anni nel mondo degli stampaggi e Gian Luca Sbrolla che ha contribuito alla buona riuscita della preparazione dei piatti grazie ai prodotti ortofrutticoli della sua omonima azienda elpidiense.

L’imprenditrice Stefania Di Battista accanto ad uno degli espositori

A dare una ulteriore concreta testimonianza del saper fare marchigiano, è stata Stefania Di Battista, imprenditrice dell’anconetano che è riuscita a trasformare un classico scatolificio in un’impresa artigianale che dal cartone ricava vere opere d’arte che in occasione di questo evento sono state degli espositori dei prodotti marchigiani.
Un ottimo lavoro hanno svolto gli studenti e i docenti degli istituti scolastici coinvolti: il Carlo Urbani di Porto Sant’Elpidio, il Panzini di Senigallia orgoglio dei docenti e dirigenti presenti. Tra questi il preside dell’alberghiero elpidiense, Roberto Vespasiani e il prof Mario Andrenacci.
Alla serata hanno contribuito le aziende: Ciriaci salumificio, Atalia cioccolata marchigiana, Tre valli, Olinda, De Carlonis pastificio, la cantina Poderi dei Colli, Sbrolla frutta, Coldiretti, Marina bay, Albanian e Mandarian restaurant.
LE FOTO

Da sx: l’assessore alla cultura del comune di Castelfidardo, Ruben Cittadini, il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, e il sindaco di Castelfidardo, Roberto Ascani

 

Da dx: il dirigente scolastico del Polo Carlo Urbani, Roberto Vespasiani, e il prof. Mario Andrenacci

 

Marco Ardemagni e il direttore di Tipicità Angelo Serri

 

Da sx: gli imprenditori Gian Luca Sbrolla e Giuseppe Mannocchi con il conduttore radiofonico Marco Ardemagni e l’imprenditore Alessandro Santoni

 

Gli studenti degli istituti alberghieri al lavoro

 

L’imprenditore Giuseppe Mannocchi con il sindaco Paolo Calcinaro

 

L’imprenditore Gian Luca Sbrolla

 

L’assessore e il sindaco di Castefidardo con Marco Ardemagni

 

Lo staff degli istituti alberghieri

 

ARTICOLI CORRELATI:

Tra le Marche e l’Albania un sodalizio di “Tipicità”

Valona città in crescita che apprezza le “Tipicità Made in Marche”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X