facebook rss

“Mi inseguono e vogliono uccidermi”,
poi il 54enne entra in una casa
di anziani armato di coltello

FABRIANO - Serata di paura, quella di ieri, in un'abitazione di Borgo Tufico a Fabriano, dopo il blitz di uno sconosciuto che chiedeva aiuto. L'uomo ha fatto irruzione nell'appartamento, ho rotto una porta finestra e si è messo a gridare dal balcone. C'è voluta la pazienza dei carabinieri per farlo scendere e farlo salire su un'ambulanza
Print Friendly, PDF & Email

Lo hanno visto entrare in casa all’improvviso, con un coltello da cucina in mano, agitato e spaventato. Sosteneva di essere inseguito: una volta che si è infilato in casa ha danneggiato una porta finestra e si è piazzato su un terrazzo dell’abitazione. Per soccorrere i due anziani coniugi che abitano nella frazione di Borgo Tufico, nella tarda serata di ieri,17 febbraio, sono dovuti intervenire i carabinieri. Il 54enne munito di un coltello da cucina, dopo avere abbandonato la propria autovettura e aver camminato per strada, aver superato anche un campo incolto, si è introdotto all’interno dell’abitazione della coppia di pensionati. Senza mai minacciarli, né aggredirli fisicamente, ha danneggiato la porta finestra per accedere al terrazzo. Da lì ha cominciato a gridare e a chiedere aiuto in quanto asseriva di essere inseguito da (fantomatiche) persone che lo volevano uccidere. I militari del nucleo operativo e radiomobile di Fabriano nonche’ delle stazioni di Cerreto d’Esi e di Genga, hanno faticato non poco a tranquillizzare l’uomo, nel frattempo rimasto sul terrazzo dell’abitazione, e a convincerlo che poteva desistere dal suo intento e poteva scendere perché ormai era al sicuro. Sul posto è arrivato anche il personale sanitario del “118” che alla fine ha preso il cura il 54enne e lo ha trasferito all’ospedale di Fabriano dove si trova tuttora per i necessari accertamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X