facebook rss

Mobilità dolce, i Verdi:
«Più ciclovie e incentivi
per bici elettriche»

ANCONA – La federazione cittadina ha depositato in Consiglio comunale due mozioni nelle quali chiedono di collegare la direttrice principale della ciclabile via XXIX settembre-via Marconi, finanziabile con il bando periferie, con due nuovi segmenti che conducano a Marina Dorica e al futuro parcheggio scambiatore del Verrocchio. Avanzata anche l'ipotesi di ampliare la Ztl in centro
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra, il consigliere dei Verdi Urbisaglia, i co-portavoce Montalbini e Nocchi, e l’ex consigliere Polenta

 

 

Nuove piste ciclabili e concessione di incentivi economici per l’acquisto di bici elettriche. La rivoluzione della mobilità dolce ipotizzata dalla federazione cittadina dei Verdi viene messa nero su bianco in due mozioni depositate in Consiglio comunale che puntano a rendere Ancona una città più green, riducendo le emissioni di CO2 e l’inquinamento acustico.
A presentare le proposte sono i due co-portavoc Marco Nocchi e Roberta Montalbini, il consigliere comunale Diego Urbisaglia e l’ex consigliere Michele Polenta, secondo cui, al progetto di «realizzazione della ciclabile lungo la direttrice via Marconi-via XXIX Settembre, finanziabile con il Bando Periferie», va aggiunto «un vero sistema cicloviario che connetta anche Marina Dorica e il futuro parcheggio scambiatore del Verrocchio».
Nel ricordare che è in fase realizzativa, e già finanziata, la ciclabile del Conero, che collegherà Pietralacroce con Portonovo, i Verdi ricordano che «l’estate scorsa, la Giunta ha deciso di stornare 560mila euro dal progetto del Bando Periferie poiché l’intervento G6 Social Lab Archi Città era stato oggetto di un altro finanziamento. La Giunta ha quindi indicato che tali fondi fossero utilizzati per la realizzazione di una pista ciclabile lungo la direttrice via Marconi-via XXIX Settembre – traccia la road map Urbisaglia –, così come previsto dal progetto di fattibilità tecnica ed economica predisposto dalla Direzione Pianificazione Urbanistica. La rimodulazione del progetto è stata presentata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ma con la nostra mozione chiediamo nuovi percorsi ciclabili, ovvero i collegamenti verso il porto turistico di Marina Dorica, passando per il Mandracchio, e tra il futuro parcheggio scambiatore Verrocchio e la ciclabile via Marconi-via XXIX Settembre», con appello ad intitolare quest’ultima a Luca Canonici, pioniere dell’uso della bici come mezzo alternativo all’auto, morto nel 2015 in un incidente stradale.
Nella seconda mozione, i Verdi propongono invece «incentivi all’acquisto di biciclette e cargo-bike elettriche con pedalata assistita, assegnando contributi ai residenti grazie ad un finanziamento di 300 mila euro concesso dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del progetto Mobilitattiva, vinto dal Comune di Ancona».
Infine, i Verdi puntano ad un ampliamento delle ztl del centro «a Capodimonte, in via Astagno e via Podesti che attualmente sono percorse da non residenti. Inoltre, onsiderando che c’è un progetto di pedonalizzazione di piazza della Repubblica, abbiamo chiesto uno studio approfondito su un possibile ampliamento della ztl sul Guasco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X