facebook rss

Cus Ancona: inizia a Fabriano
il cammino per la D

PALLAVOLO FEMMINILE - Otto finali per conquistare la promozione. Oltre al Fabriano, Offagna, Castelplanio ed Esino Volley le squadre da battare
Print Friendly, PDF & Email

Il Cus volley, foto d’archivio

 

Fabriano, Offagna, Castelplanio ed Esino Volley. Sono queste le quattro squadre che il Cus Ancona dovrà affrontare nelle prossime settimane: in palio un posto in serie D. Un cammino quanto mai complicato anche per il fatto che nel girone risultano inserite altre società come Mantovani, il Senigallia e l’Ostra Vetere. Squadre queste che lo stesso Cus Ancona conosce alla perfezione avendole già incontrate nell’arco della stagione regolare ma che non incrocerà in questa sorta di girone a 8 dove la prima classificata salirà direttamente in serie D. Le squadre classificate dal 2 a 6 posto sempre di questo girone a otto avranno la possibilità di rimanere in corsa per la serie D ma dovranno incrociarsi in una fase successiva con altre società provenienti dagli altri raggruppamenti. In poche parole si resterà sotto rete fino al mese di maggio. Decisivi ai fini della classifica saranno anche gli scontri diretti maturati nell’arco della stagione regolare tra le squadre che hanno guadagnato il pass per la fase successiva. Un cammino come detto lungo e tortuoso che il Cus Ancona molto probabilmente inizierà martedì 26 febbraio in quel di Fabriano. A fare il punto della situazione il tecnico del Cus Graziano Del Crudo: «Ci aspettano 8 finali ma forse è il caso di vivere alla giornata cercando di dare il massimo in ogni partita. In questi giorni abbiamo lavorato in palestra in modo particolare sui fondamentali la prossima settimana invece effettueremo dei carichi di lavoro per arrivare al meglio a questa seconda fase della stagione. Il cammino si preannuncia piuttosto lungo per tale motivo se davvero vogliamo arrivare in fondo sarà necessario avere energie fisiche e mentali a sufficienza. Per quello che riguarda questa seconda fase sono previste gare di andata e ritorno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X