facebook rss

La Lm Monticelli compie 50 anni
e nel futuro vede nuovi mercati

OSIMO - Giornata di festa con ospiti provenienti da tutto il mondo per la solida realtà industriale di Campocavallo, leader mondiale nel settore dei profilati in alluminio, arrivata alla terza generazione d'impresa. Una storia lunga mezzo secolo, dal 1969, dove nel piccolo laboratorio in una soffitta Domenico Monticelli creò la sua prima squadretta, al fatturato di 38,5 milioni di euro del 2018, filiali in Tunisia e Turchia e con un occhio attento al mercato degli Stati Uniti
Print Friendly, PDF & Email

Foto ricordo degli ospiti nella hall dello stabilimento Monticelli

 

Qual è il segreto per far crescere un’azienda nello scenario del mercato globale, insidioso e dinamico? «Si deve guardare avanti, senza paura di dover affrontare nuove sfide» puntando sulla qualità, su un lavoro di sintesi e facendo squadra anche con i lavoratori.

Oliviero Monticelli

L’imprenditore Oliviero Monticelli insieme ai fratelli Guerrino, Vladimiro, Sonia e a suo marito Gianfranco Pugnetti, crede molto nella famiglia. Un modello trasposto nella gestione aziendale della L.M. Monticelli, quest’anno al traguardo dei 50 anni di attività. La storia della fonderia di Campocavallo di Osimo, solida realtà imprenditoriale da anni internazionalizzata, è iniziata 5 decenni fa nel piccolo laboratorio ricavato in una soffitta, grazie all’idea geniale del capostipite Domenico Monticelli, l’inventore della ‘squadretta’, l’angolo di giunzione in alluminio per serramenti.

Giuseppina Marra Monticelli, presidente del Cda della L.M. Monticelli

Oggi l’azienda Monticelli è leader mondiale nel settore dei profilati in alluminio, e dà lavoro a 220 dipendenti nello stabilimento osimano di 25.000 mq in via Giuggioli, innovato con sistemi di automazione, e, dal 2010 ad altri 120 nella filiale produttiva in Tunisia e alle maestranze impegnate nella sede commerciale di Istanbul, in Turchia. La prossima sfida saranno gli Stati Uniti con i quali l’azienda ha intessuto da anni una rete di rapporti commerciali ma dove potrebbe decidere presto di aprire una base operativa. I cinquanta anni di lavoro si sono sostanziati in un giorno di ricordi e di festa che e proprio oggi, 28 Giugno, e l’azienda ha celebrato aprendo le porte a clienti e fornitori arrivati da tutto il mondo per presentare a loro le sue eccellenze. Un evento celebrato nel nome e in memoria del fondatore Domenico, scomparso 7 anni fa. Un imprenditore che si era fatto da solo, lavorando anche 16 ore al giorno e che ha trasmesso a figli e nipoti il senso di responsabilità di chi fa impresa nei riguardi della comunità d’origine. Dal 1969, da quando in quella soffitta creò la sua prima squadretta, l’azienda è cresciuta tanto da realizzare nel 2018 un fatturato di 38,5 milioni di euro con un trend di crescita del 9% sempre mantenendo la governance all’interno della famiglia Monticelli, giunta ormai alla terza generazione.

Sonia e Guerrino Monticelli

Al “Porte Aperte- Benvenuti in Famiglia” in azienda stamattina hanno partecipato anche il presidente della Giunta regionale Luca Ceriscioli, l’assessore regionale Moreno Pieroni e la vice sindaco di Osimo Paola Andreoni. «Questo anniversario – ha detto Ceriscioli – è un traguardo importante per molte ragioni. Significa aver garantito per 50 anni il lavoro sul territorio e avere la capacità di rinnovarsi, di affrontare il cambiamento e di adattarsi alle situazioni che mutano velocemente. Altro aspetto significativo è il fatto che le generazioni che si sono succedute nella gestione imprenditoriale hanno avuto la volontà di continuare l’attività, cosa non banale nella nostra regione dove il ricambio generazionale trova molte difficoltà. A questo traguardo – ha proseguito il presidente – si è arrivati in crescita, con la capacità di andare verso il futuro, con quella positività di cui tutti abbiamo bisogno».

Nanni Pugnetti

«La città di Osimo non può che essere grata alla famiglia Monticelli per quanto ha fatto, sta facendo e continuerà a fare nel prossimo futuro – ha detto la vice sindaco Paola Andreoni, delegata dal sindaco Simone Pugnaloni per impegni pregressi – perché non solo porta il nome di Osimo nei mercati di tutto il mondo ma dà lavoro a tante famiglie». A fare gli onori di casa la presidente del Cda, Giuseppina, moglie di Domenico Monticelli, con gli occhi pieni di commozione ma orgogliosa dei risultati che i figli ed i nipoti sono riusciti a raggiungere. «Quando siamo partiti nella soffitta di mio cognato – ha raccontato – non pensavamo di arrivare così in alto ma sono molto felice perché i miei figli e i miei nipoti portano avanti il lavoro di mio marito con grande impegno. Mi dispiace solo che lui non sia qui, oggi, in questo giorno di festa per vedere tutto questo». Molti dei nipoti, dopo gli studi, lavorano infatti già in azienda con compiti di responsabilità.

«E’ un giorno di festa per tutti noi – ha aggiunto Oliviero Monticelli, consigliere delegato per l’area amministrazione – e vedere presenti in azienda tanti amici, clienti, fornitori, i principali rappresentanti istituzionali ci conferma che da quei pochi metri nei quali mio padre ha iniziato a lavorare e nei quali anche io e mio fratello Guerrino dopo la scuola andavamo ad aiutare e ci rendevamo utili, passando poi per tutte le evoluzioni successive fino all’attuale superficie dell’azienda, sono passati 50 anni di grande fatica e impegno ma anche soddisfazione». Solo negli ultimi 3 anni il management aziendale ha investito oltre 10milioni di euro per il costante ammodernamento tecnologico e dei macchinari, per migliorare la sicurezza all’interno dell’azienda, per garantire ambienti sicuri e salubri ed una crescita ecosostenibile nel pieno rispetto del territorio e di chi come noi lo abita, limitando la produzione di rifiuti e i consumi di materie prime ed energia, riducendo al minimo le emissioni in atmosfera e gli scarichi idrici. L’azienda ha conseguito tutte le principali certificazioni di qualità e autorizzazione integrate ambientali. La mission è la stessa che ne ha ispirato 50 anni di successi: la totale soddisfazione del cliente. «La sfida continua – ha aggiunto Nanni Pugnetti, consigliere delegato per l’area commerciale e rete vendita – perché noi vogliamo restare fedeli ai valori che nonno Domenico, così lo ricordiamo, ci ha insegnato, ma essendo sempre competitivi sul mercato nazionale ed internazionale continuando con un prodotto sempre tecnologicamente all’avanguardia votandoci alla Qualità ed al servizio che ci rende vincenti rispetto alla concorrenza».

(foto Giusy Marinelli)

 

All’ingresso della LM Monticelli sul soffitto è stato dipinto l’immnagine del sagittario, il segno zodiacale del fondatore con la volta tempestata di fari che nel gioco di luci e colori sembrano le stelle del firmamento

Il Dj set sistemato nel cortile aziendale per la festa serale con gli ospiti

 

 

La visita nei capannoni dello stabilimento di via Giuggioli dove anche le maestranze in segno di festa indossavano la maglietta dell 50esimo

Paola Andreoni, vice sindaco di Osimo

Il presidente Ceriscioli con la signora Giuseppina Marra Monticelli e  la vice sindaco Paola Andreoni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X