facebook rss

La pioggia non ferma gli abusivi
in spiaggia: sequestri e maxi multe

SENIGALLIA - I carabinieri hanno controllato cinque stranieri, tutti tra i 30 e i 37anni, provenienti da Napoli, Milano e Macerata elevando in totale 25mila euro di sanzioni e ponendo sotto sequestro giocattoli, vestiti e dispositivi elettronici anti zanzare del valore commerciale di 1.500 euro
domenica 28 Luglio 2019 - Ore 15:53
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Numana in una foto d’archivio

 

Pioggia e temporali non fermano gli ambulanti abusivi in spiaggia. I Carabinieri della Compagnia di Senigallia, che dall’inizio della stagione estiva, hanno come obiettivo anche i controlli sull’arenile per la prevenzione ed il contrasto all’abusivismo commerciale su area pubblica e alla contraffazione, ne hanno intercettati cinque, sabato, sul lungomare Dante Alighieri, sorpresi ad esercitare l’attività di commercio su aree demaniali marittime senza essere in possesso della prescritta autorizzazione amministrativa e del nulla-osta rilasciato dal sindaco. Tutti stranieri, di età compresa tra i 30 e i 37anni, provenienti da Napoli, Milano e Macerata. Una abusiva, rumena, giunta sul lungomare con il suo camper ha riferito di essere senza fissa dimora. Tutti, dopo le operazioni di identificazione, sono risultati in regola sul territorio nazionale. Uno di essi è stato però proposto al Questore per l’applicazione del divieto di far ritorno a Senigallia per tre anni.

Nel corso del servizio, nei confronti dei predetti venditori abusivi sono state contestate sanzioni amministrative inerenti a violazioni alle norme del commercio su aree pubbliche per complessivi 25mila euro. Inoltre sono stati sottoposti a sequestro amministrativo: 12 giocattoli sprovvisti del marchio CE; 7 gonfiabili; 31 braccialetti; 27 libri; 15 teli da mare; 34 vestiti da mare da donna; 3 cinture; 3 cappelli da mare da donna; 6 dispositivi elettrici antizanzare; 1 apparecchio elettrico per la depilazione. Sulla base dei prezzi praticati sulla spiaggia, la merce sequestrata, ai fini della confisca, avrebbe consentito di realizzare un profitto complessivo calcolato intorno ai 1.500 euro. Nel solo mese di luglio a Senigallia sono stati trentadue i venditori abusivi contravvenzionati dai Carabinieri con multe che, complessivamente, si aggirano intorno ai 145mila euro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X