facebook rss

Come difendersi da ladri e truffatori:
il vademecum della Regione

SICUREZZA - L'assessore Fabrizio Cesetti: «Buona politica al servizio e a fianco del cittadino per vivere bene e sicuri»
martedì 30 Luglio 2019 - Ore 14:25
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

In questi giorni è stato promosso da alcune amministrazioni locali, con apposite iniziative, il vademecum su prevenzione e sicurezza ideato e divulgato dalla Regione Marche. «E’ questa la buona politica al servizio e a fianco del cittadino per vivere bene e sicuri – commenta con soddisfazione l’assessore alla Polizia Locale e Politiche integrate per la sicurezza, Fabrizio Cesetti –. La divulgazione di questo manuale alle famiglie marchigiane, resa più efficace dalla collaborazione delle amministrazioni comunali, è una buona prassi al servizio della comunità e in particolare delle fasce più deboli e maggiormente esposte a raggiri o alle truffe, anche quelle informatiche, come i giovani e gli anziani». Tra le poche in Italia, la regione si è dotata del vademecum «come segnale di attenzione e presenza sul territorio – aggiunge l’assessore Cesetti che ieri ha partecipato all’incontro di Magliano di Tenna dal titolo ‘Impariamo a difenderci da insidie, ladri e truffatori’, nel corso del quale il vademecum è stato consegnato ai presenti – per vivere meglio e in sicurezza rafforzando il senso di appartenenza alla stessa comunità, di aiuto reciproco e solidarietà». Il libricino, realizzato in collaborazione con l’associazione Onlus ‘Insieme in sicurezza’, raccoglie consigli pratici e utili per mettere in guardia le persone e rendere sicure le abitazioni, per difendersi da truffe, furti, aggressioni o stalking, per riconoscere devianze giovanili, rischi della rete e supportare gli anziani. «Un aiuto valido perché basato su prevenzione e informazione capace di interpretare paure e bisogni – conclude Cesetti – considerando non solo i dati statistici dei reati ma coinvolgendo tutte le componenti della società civile, convinti che la sicurezza non sia un problema solo delle forze di polizia, che restano l’avamposto diretto e prioritario per la cittadinanza, ma della comunità tutta chiamata a rispondere alle problematiche sociali in modo coeso e solidale».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X