facebook rss

Operava i pazienti senza laurea:
scoperto falso dentista

FABRIANO - L'operazione della Finanza ha permesso di denunciare un odontotecnico per esercizio abusivo della professione. Da due anni, inoltre, pagava una sua dipendente in nero. Lo studio è stato sequestrato
lunedì 19 Agosto 2019 - Ore 13:46
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Pagamenti in nero e operazioni alle bocche dei pazienti senza mai aver conseguito la laurea: denunciato un falso dentista. Si tratta di un 50enne del Fabrianese, titolare di uno studio odontotecnico. L’uomo è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica. Il suo studio è stato sequestrato per volontà della procura. Durante i controlli operati dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Fabriano è anche emerso che il 50enne pagava in nero da ormai due anni una sua dipendente, mai messo sotto contratto. Il blitz dei militari nello studio dell’odontotecnico è scattato nel corso di una serie di accertamenti di natura fiscale. I finanzieri stati insospettiti dalla facilità con cui il tecnico poteva accedere agli ambulatori, ai prodotti medicali e dall’incongruenza tra i cospicui ricavi costruiti a fronte delle scarse ore di presenza di dentisti esterni.  Dalle dichiarazioni fornite dai clienti è emerso che il 50enne era privo di specializzazioni e titoli di studio in odontoiatria. E’ stata denunciata in concorso anche la responsabile sanitaria, una dei cinque odontoiatri che saltuariamente operavano nello studio, per non aver mai denunciato gli illeciti dell’odontotecnico.  All’atto dell’accesso i finanzieri hanno sorpreso anche una donna intenta a mansioni di assistente alla poltrona retribuita in contanti e priva di contratto di assunzione. Per tali condotte e per i gravi pericoli per la salute dei pazienti si è quindi proceduto alla denuncia dell’odontotecnico  per esercizio abuisivo della professione odontoiatrica e al sequestro dello studio nonchè alle contestazioni di natura amministrativa per gli aspetti fiscali e per l’impiego di personale in nero.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X