facebook rss

Ragazzina svenuta
in piazza del Comune:
arrivano 118 e carabinieri

OSIMO - E' successo ieri sera. Un imprenditore e un automobilista di passaggio hanno allertato i soccorsi. La denuncia: «Era su una panchina con i suoi amici da mezz'ora e nessuno l'aveva aiutata»
Print Friendly, PDF & Email

 

Malore in piazza del Comune a Osimo e tanta paura, ieri sera, per una ragazzina minorenne che ha perso all’improvviso conoscenza in preda alle convulsioni. Gli amici l’hanno fatta sedere su una panchina e una folla di curiosi si è avvicinata. Un imprenditore osimano che si trovava per caso a passare in auto ha notato la scena ed è sceso per capire che cosa stava accadendo. Grazie a lui e ad un altro passate, poco dopo sono arrivati sul posto i mezzi di soccorso e una pattuglia dei carabinieri. Il medico del 118, partito dell’ospedale di Osimo, ha prestato le prime cure alla giovane paziente e sospettando che potesse trattarsi di una crisi comiziale, ha disposto il suo immediato trasferimento al pronto soccorso.

L’imprenditore si è, però, sentito in dovere di denunciare sui social media l’indifferenza di chi si era fermato a curiosare invece di allertare i soccorsi. «Poi ci si lamenta del grandi città: ieri sera nella nostra piccola e ridente Osimo una ragazzina in evidente stato di malessere lasciata su una panchina davanti al Comune supportata solo da un paio di amichetti chiaramente minorenni che non sapevano come farla riprendere. Appena sceso dalla macchina – racconta – mi sono subito accorto della situazione e mi sono preoccupato che cosa stesse accadendo. Mi hanno riferito che la ragazzina era lì da più di mezz’ora e nessuno è intervenuto per aiutarla in qualche modo o chiamare un’ambulanza? Fortuna che un signore che mi ha preceduto di poco si è preso la responsabilità di chiamare il Pronto Soccorso sennò la malcapitata era ancora lì. In compenso una grande folla di spettatori di tutte le età a guardare come ebeti chissà cosa o quale spettacolo. E’ proprio vero: puoi stare a New York, Roma o Milano e non cambia nulla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X