facebook rss

L’esercito dei 12 consulenti
alla corte di Ceriscioli:
c’è anche Paolo Francesco Perri

REGIONE – Dal 2016 a oggi sono 12 le collaborazioni, a titolo gratuito, decretate dal governatoreper supportare l'azione di governo in alcuni settori chiave come sanità ed infrastrutture. Ultimo in ordine di tempo, l'ex direttore del dipartimento materno-infantile dell'Area Vasta 3 di Macerata, che dovrà occuparsi di punti nascita
Print Friendly, PDF & Email

Luca Cerisicioli

 

Arriva ad una manciata di mesi dalla scadenza della legislatura e dovrà occuparsi «dell’aggiornamento e della revisione della rete neonatologica dei punti nascita». Questione decisamente sensibile che il governatore Luca Ceriscioli ha deciso di affidare a Paolo Francesco Perri, già direttore del dipartimento materno-infantile dell’Area Vasta 3 di Macerata e con un intero curriculum dedicato al settore. Con il decreto del 14 ottobre ha infatti avuto inizio la sua collaborazione gratuita con palazzo Raffaello, a supporto dell’azione governativa in materia. Ma Perri è solo l’ultimo di un lungo elenco di consulenti praticamente a costo zero (previsti solo i rimborsi spesa di massimo 1.000 euro) di cui l’esecutivo si è avvalso.

Paolo Francesco Perri

Figure con incarichi a scadenza, in alcuni casi rinnovati. Il primo è stato Floriano Bonifazi, ex primario di allergologia nell’azienda ospedaliera di Torrette, che nell’ottobre 2016 venne reclutato da Ceriscioli come consulente sanitario. Padre di quel Piano Inquinamento Ancona che punta al miglioramento della qualità dell’aria, è in passato entrato in rotta di collisione con il presidente perché non veniva sostenuto nel suo progetto, minacciando anche le dimissioni. Attualmente ricopre ancora l’incarico ed il Pia, a fatica e rallentato dalle solite lungaggini burocratiche, procede. L’anno d’oro dei consulenti fu però il 2017, quando le fila si ingrossarono di ben sette unità. Due incarichi sono andati ad Alberto Paccapelo, ex dirigente della provincia di Pesaro – che ha ottenuto il rinnovo nel luglio 2018 – con ruolo di supporto nel coordinamento ed indirizzo, al fine dell’elaborazione di una ipotesi progettuale di fattibilità, per la realizzazione di un asse infrastrutturale ciclabile-ferroviario lungo la direttrice Fano-Urbino, per l’assistenza alla progettazione in corso di redazione da parte di Anas del tratto E45 – S.Stefano di Gaifa della Fano-Grosseto, nonché per assistenza tecnica ai Comuni interessati dal tracciato.

L’ospedale di Torrette (foto d’archivio)

C’è poi il trittico di consulenti in materia di sanità: Riccardo Sestili, che fino al febbraio dello stesso anno era stato il primario di Ancona Soccorso, Alberto Balducci a cui era stata affidata l’analisi del sistema dei costi e dei centri di spesa, con elaborazione di linee guida per ottenere efficienza ed efficacia del sistema sanitario, e l’ex primario all’ospedale di Fermo, Lucio Giustini, a supporto della realizzazione della rete oncologica regionale. Per le Politiche europee, Ceriscioli si è rivolto, nel febbraio 2017, al consulente di strategia macroregionale Marco Bellardi, mentre un mese prima aveva arruolato Raniero De Angelis (già consulente dell’area tecnica per il comune di Pesaro) per una collaborazione sulla difesa del suolo e della costa, rinnovata poi un anno dopo. Sempre nel 2018 è arrivata anche la consulenza, tutt’ora in corso, di Lorenzo Catraro, ex presidente di Aerdorica, consigliere comunale a Castelfidardo ed eletto anche in Provincia, con una lunga carriera in ferrovia. A lui è stato chiesto supporto nell’elaborazione di un’ipotesi progettuale di fattibilità per il potenziamento della direttrice Orte Falconara e per la velocizzazione del tratto marchigiano nella Bologna-Lecce. Dall’inizio del 2019, infine, oltre a Perri, sono arrivati a palazzo Raffaello anche il responsabile del dipartimento infrastrutture del Pd regionale, Diego Franzoni, con un ruolo di consulenza per lo sviluppo della strategia della Macroregione Adriatico Ionica, e Tiziano Busca, per una consulenza sulle funzioni territoriali, ospedaliere e di trasporto sanitario dell’Asur Marche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X