facebook rss

Visite programmate
soddisfatte al 99%:
«Il bonus/malus funziona»

REGIONE – Dopo aver presentato, negli scorsi mesi, i risultati sulle prestazioni brevi e differibili, il governatore Ceriscioli ha fatto il punto su quelle più a lungo termine. «Prossimi obiettivi: far scendere i tempi di erogazione delle programmate da 180 a 120 giorni e fornire la prestazione nell'Av di appartenenza o nel distretto confinante per le aree costiere»
Print Friendly, PDF & Email

Il governatore Luca Ceriscioli

 

di Martina Marinangeli

 

Liste d’attesa sorvegliate speciali. Al punto numero uno nell’agenda politica fin dal giorno dell’insediamento a palazzo Raffaello, il loro abbattimento è stato il chiodo fisso del governatore Luca Ceriscioli negli ultimi quattro anni e mezzo. Ed ora mostra orgoglioso i risultati raggiunti, dopo alcuni inciampi nel percorso. «Lo strumento del bonus/malus funziona – esordisce, e lo fa numeri alla mano –: le visite programmate sono state soddisfatte al 99%». Il punto sulle prestazioni a lungo termine, fatto in una conferenza ad hoc convocata questa mattina, arriva dopo un mese durante il quale il presidente ha battuto in lungo ed in largo la regione per presentare i risultati del bonus/malus sulle prestazioni brevi (entro 10 giorni) e differibili (visite entro 30 giorni ed esami entro 60 giorni) nelle singole Aree Vaste, questa mattina ad Ancona ha illustrato gli obiettivi raggiunti sul fronte delle prestazioni programmate (entro 180 giorni). «A settembre, le prestazioni programmate (entro 180 giorni, ndr) sono state erogate nei tempi previsti nel 99% dei casi – sciorina i dati Ceriscioli –: 99,7% nell’Av1, 98,7% nell’Av2, 99,2% nell’Av3, 99% nell’Av4 ed infine 98,5% nell’Av5. Ed è migliorata la produzione (1 giugno-30 settembre), passata dalle 121.079 prestazioni del 2017 alle 131.596 del 2018 ed infine salite a 134.340 nel 2019». Ma il risultato è solo un ottimo punto d’inizio per il governatore-assessore alla Sanità, non il traguardo: «i prossimi obiettivi da raggiungere sono far scendere, come prevede l’accordo nazionale tra Regioni, i tempi di erogazione delle programmate da 180 giorni a 120 e fornire la prestazione nell’Av di appartenenza o nel distretto confinante per le aree costiere. Per esempio, Senigallia è nella stessa Av di Fabriano, ma per un senigalliese è più comodo recarsi a Fano anche se è un altro distretto».

Obiettivi che, insieme ad altri, verranno inseriti in una delibera di giunta regionale da approvare entro gennaio. «Vogliamo avviare il bonus anche per le specialità non monitorate e non presenti nel Piano nazionale ma ad alto impatto sociale (ad esempio, visite neurologiche o allergologiche)– continua Ceriscioli- Introdurre strumenti di monitoraggio per migliorare i risultati anche sulle visite di controllo benché per queste non siano previsti tempi di erogazione proprio perché sono di controllo e dunque non urgenti. Creare un sito per il monitoraggio trasparente in cui ogni cittadino potrà vedere qual è la prima visita disponibile per ognuna delle 69 prestazioni inserite nel Piano nazionale. Infine autenticare l’accesso all’App per le prenotazioni con carta di identità elettronica o impronta digitale, per accelerare le procedure”. A settembre sono migliorati i risultati anche sul fronte delle prestazioni Brevi e Differibili salite rispettivamente al 99,5% e al 99,7%. Una stoccata, il governatore la riserva poi ai medici: «quando leggiamo di storie di persone a cui una visita urgente viene assegnata dopo un anno, come se fosse di controllo, vuol dire che chi l’ha preso in carico non ha segnato l’urgenza. In questi casi, saremmo felici di parlare con il paziente perché le cose sono due: o c’è stato un errore, o non si è segnata volontariamente l’urgenza in modo che il paziente si rivolgesse al privato non trovando posto, e magari gli viene anche consigliato da che privato andare».
Anche a questo è legata l’operazione trasparenza che si sta cercando di portare avanti in questo segmento di settore sanitario, tra quelli a cui la cittadinanza è più sensibile.
«Vogliamo inoltre rendere più trasparente tutto il meccanismo – conclude Ceriscioli –: collegandosi a un sito sarà possibile vedere per tutte le prestazioni quale è la prima disponibile o quali sono in ‘lista di garanzia’ perché è un fatto che rende a tutti chiaro quello che sta succedendo. Riteniamo che la trasparenza sia ottima per un sistema perché nel momento in cui si è monitorati non ci si accontenta di ottenere il risultato, ma lo si vuole mantenere nel tempo per rispettare l’impegno».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X