facebook rss

Psoriasi, 12mila marchigiani ne soffrono:
open day per le visite gratuite

ANCONA - La SOD Clinica di Dermatologia degli Ospedali Riuniti organizza domani consulente e visite per i pazienti
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale di Torrette (foto d’archivio)

 

Sono oltre 12mila i marchigiani affetti dalla psoriasi, che in un terzo dei casi evolve e diventa di grado severo. Chi ne è affetto, pero’, spesso non ne conosce i sintomi e non si reca tempestivamente dallo specialista, con conseguente ritardo nella diagnosi e nell’inizio del percorso terapeutico che potrebbe rallentare l’evoluzione della malattia.  In occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi, il 29 ottobre sarà possibile usufruire di consulenze e visite gratuite nella Clinica Dermatologica dell’ospedale di Torrette.  Obiettivi dell’evento saranno far crescere la consapevolezza sulla psoriasi, destare l’attenzione pubblica sugli effetti devastanti della patologia e sulle gravi difficoltà che può causare, accrescere la conoscenza, fornire informazioni a coloro che sono affetti dalla patologia, sensibilizzando ed educando anche l’opinione pubblica, distruggendo le false credenze su questa malattia. Gli specialisti saranno a disposizione del pubblico e risponderanno alle domande di chi vorrà saperne di più sulla malattia, che non è una sola. La più diffusa è quella ‘a placche’ (80-90% dei casi), ma esistono anche altre forme più rare, poco conosciute e per questo sottostimate. Una di queste è la ‘psoriasi invertita’, caratterizzata da chiazze rosse non desquamate alle ascelle, genitali e addome di chi è in sovrappeso, fino al solco sottomammario. La forma più frequente tra gli adolescenti invece è la ‘psoriasi guttata’, caratterizzata da piccole chiazze desquamate su tronco, braccia, gambe e cuoio capelluto. Esistono poi la ‘psoriasi pustolosa’ e quella ‘eritrodermica’: la prima è caratterizzata da pustole anche molto localizzate, mentre nella seconda la pelle appare infiammata e arrossata, provoca prurito o bruciore ed è tra le forme più gravi. Su queste l’attenzione è ancora scarsa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X