facebook rss

A scuola con la droga nello zaino,
studenti ‘pizzicati’ dalle unità cinofile

JESI - Dopo il blitz dei carabinieri, stamattina alcuni minorenni sono stati trovati in possesso di piccole dosi di marijuana anche nelle tasche delle felpe
Print Friendly, PDF & Email

Le unità cinofile dei Carabinieri del Nucleo di Pesaro

 

di Talita Frezzi

Erano andati a scuola con qualche dose di marijuana infilata nello zaino e nelle tasche delle felpe, ma non si sarebbero mai aspettati di essere “fiutati” direttamente in classe dai cani antidroga dei carabinieri e di essere scoperti. E’ successo stamattina, in diversi istituti scolastici della città, dove la Compagnia Carabinieri di Jesi ha eseguito un controllo antidroga con l’ausilio delle unità cinofile del Nucleo Cinofili carabinieri di Pesaro. L’Arma jesina, costantemente impegnata nel contrasto allo spaccio e alla detenzione illegale delle sostanze stupefacenti, esegue infatti periodicamente dei servizi specifici nei luoghi maggiormente frequentati dagli adolescenti come parchi, giardini pubblici e gli istituti scolastici. Questa mattina, durante un servizio organizzato con il Nucleo di Pesaro presso vari istituti superiori della città di Jesi, i cani antidroga, finemente addestrati, sono entrati direttamente in classe, passando tra i banchi dove era in corso la lezione (grazie alla disponibilità e alla collaborazione dei dirigenti scolastici) e hanno scovato piccole dosi di marijuana per un totale di 4 grammi.

I cinofili impegnati nel briefing alla Caserma di corso Matteotti

La droga trovata, detenuta da alcuni studenti minorenni, era stata nascosta negli zaini trovati in aula e indosso. Ma i nascondigli non sono serviti, il fiuto eccezionale dei cani dell’Arma ha subito scovato lo stupefacente, che è stato sequestrato.
Guai in vista per i giovanissimi possessori, che saranno segnalati come assuntori. I controlli continueranno anche nelle prossime settimane, sempre nei luoghi di aggregazione e maggiormente frequentati dai ragazzi, con l’obbiettivo di arginare la diffusione delle droghe tra i minorenni e soprattutto nel contesto scolastico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X