facebook rss

Cammina sui binari,
salvata dagli agenti Polfer

CONTROLLI potenziati durante le festività appena trascorse. La Polizia ferroviaria di San Benedetto del Tronto ha rintracciato da donna prima che venisse travolta da un treno
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

 

Particolarmente intensa è stata l’attività posta in essere dalla Polizia Ferroviaria del Compartimento per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo in occasione delle trascorse festività natalizie e di Capodanno. Il Compartimento PolFer, con sede ad Ancona, ha messo in campo tutte le risorse disponibili per garantire la sicurezza dei cittadini anche in considerazione dell’attuale situazione emergenziale da pandemia Coronavirus – Covid 19. Sono state impiegate 467 pattuglie in stazione, 48 a bordo di oltre 110 treni ed elevate 5 contravvenzioni. Sono stati eseguiti 2 arresti e 7 denunce in stato di libertà, a seguito dei quasi 4mila controlli effettuati ai viaggiatori nelle stazioni ed a bordo dei treni. In particolare la Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polfer Ancona, a seguito di una breve indagine, ha rintracciato e denunciato in stato di libertà per danneggiamento aggravato, un 40enne italiano che in due diverse occasioni ha danneggiato la biglietteria automatica della stazione di Tolentino. Sempre nelle Marche la Polfer di San Benedetto del Tronto, ha tratto in salvo una donna che camminava in mezzo ai binari con l’intento di farsi travolgere da un treno. Gli agenti allertati dal locale Dipartimento di Salute Mentale che una loro paziente aveva manifestato l’intento di farla finita gettandosi sotto un treno in transito, si sono messi subito alla ricerca della donna rintracciandola prima che potesse riuscire a compiere l’estremo gesto. Inoltre gli agenti hanno anche denunciato in stato di libertà per oltraggio a pubblico ufficiale. un cittadino italiano responsabile di aver insultato un capotreno che lo aveva invitato ad abbassare il volume del proprio cellulare e un cittadino tunisino per violazione alle norme sull’immigrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X