facebook rss

«Bene la riapertura delle scuole,
ma servono investimenti sulla sicurezza»

LA VOCE unanime di Cgil, Cisl e Uil a quattro giorni dalla ripartenza degli istituti superiori: «Necessaria una mappatura di tutti gli steward che vigileranno e accompagneranno gli studenti all’interno dei mezzi nel tragitto casa-scuola»
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Servono garanzie sugli steward e investimenti sulla sicurezza. Questo il pensiero espresso dai sindacati Cgil, Cisl e Uil a margine della decisione dl governatore Acquaroli di riaprire gli istituti superiori a partire dal 25 gennaio. Ieri, le sigle sindacali, insieme alle categorie dei trasporti e della scuola, hanno incontrato ieri l’assessore Castelli per fare il punto della situazione sulla ripartenza delle scuola con la presenza al 50%.
Le organizzazioni sindacali hanno sottolineato «la necessità di ripartire dentro un quadro di garanzie certe rispetto al potenziamento del trasporto scolastico e all’intensificazione delle misure di sicurezza chiedendo alla Regione di assumere un ruolo di coordinamento anche nell’orientare il prezioso lavoro che tutti i soggetti coinvolti stanno svolgendo a livello di Prefetture.  Oltre all’annunciato aumento dei pullman e, quindi, delle corse su tutto il territorio regionale, i sindacati hanno chiesto una mappatura di tutti gli steward che vigileranno e accompagneranno gli studenti all’interno dei mezzi nel tragitto casa-scuola, con un’attenzione specifica alle corse urbane utilizzate non solo dagli studenti e alle corse extraurbane di lunga percorrenza, dove il rischio di contagio potrebbe aumentare considerevolmente». Una specifica richiesta ha riguardato il possibile utilizzo di app per la prenotazione delle corse da parte degli studenti, così come hanno fatto altre regioni (e anche dal capoluogo dorico per determinate linee), in modo da poter prevedere le eventuali criticità con anticipo, abbassando i rischi di assembramento e di non rispetto delle norme. L’ultimo tema posto è stato quello della vigilanza nelle stazioni e nei luoghi di assembramento in strada: «anche in questo caso va rafforzato il presidio che i Prefetti hanno demandato al sistema delle autonomie locali, attraverso l’utilizzo di personale delle forze dell’ordine o di figure specificatamente formate per svolgere un ruolo di controllo e per le quali andrebbero stanziate opportune risorse».

 

Lunedì si torna in classe: Acquaroli ha firmato l’ordinanza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X