facebook rss

«Il nostro Distretto biologico
sarà il più grande d’Europa»

MARCHE - Siglata l'intesa tra il vicepresidente della Regione Mirco Carloni e i rappresentanti regionali di Agci, Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Confcooperative, Copagri, Legacoop, Uecoop, Unci e Camera di Commercio: «Uno strumento chiave per incentivare l’economia locale, un modello socio-economico del tutto nuovo»
Print Friendly, PDF & Email

 

1fe90895-3792-44ad-9a1d-089fcdcf089f-650x431

I partecipanti all’incontro per la firma del patto per il biologico, avvenuta oggi a Palazzo Raffaello ad Ancona

 

«Uno strumento chiave per incentivare l’economia locale, un alleato essenziale per l’equilibrio del processo alimentare e di conseguenza per la salute, un modello socio-economico del tutto nuovo. Sono queste le caratteristiche fondamentali della produzione bio ma anche le finalità di quello che sarà il distretto biologico unico delle Marche più grande d’Italia e d’Europa». Con la firma del patto per il biologico, avvenuta oggi a Palazzo Raffaello ad Ancona tra il vicepresidente e assessore all’Agricoltura Mirco Carloni e i rappresentanti regionali di Agci, Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Confcooperative, Copagri, Legacoop, Uecoop, Unci e Camerca di Commercio, le Marche puntano per la prima volta alla creazione di un unico e grande distretto del biologico forte di numeri, progetti e obiettivi importanti.

mirco-carloni-lega

Mirco Carloni (Lega)

«La Regione crede fortemente alle potenzialità di questo settore – evidenzia Carloni – come traino per molti altri comparti e cerniera di uno sviluppo sostenibile anche a livello turistico-ambientale. Per questo oggi la firma del patto sigilla la volontà di andare tutti insieme verso la realizzazione di un distretto biologico e del cibo che può diventare il più grande d’Europa, caratterizzato da un forte brand territoriale che identifichi le Marche come regione bio per eccellenza, attraverso un incisivo marketing territoriale, una promozione spinta che valorizzi il prodotto in termini di qualità e competitività sui mercati interni ed internazionali. Il biologico, forte di una tradizione radicatissima nella nostra regione, è un valore aggiunto fondamentale che vogliamo inserire e far crescere in un ampio progetto di sostenibilità che integra ambiti culturali, per esempio con la Legge sui borghi, il turismo, con il progetto “ Albergo diffuso”, ma anche gli operatori turistici, le amministrazioni locali, le associazioni e tutti i privati che abbiano in comune la stessa visione: rendere il brand Marche leader del biologico in Europa e quindi regione sinonimo di qualità di vita. Consapevoli pertanto che un’immagine univoca e organica è molto più “spendibile” e credibile all’estero, oltre a rafforzare tutto il sistema e a contrastare le debolezze – conclude Carloni -.

38c30e3f-32a6-4feb-8b10-a71562933719-325x216È uno strumento nuovo questo distretto biologico a cui abbiamo lavorato con molto impegno in questi mesi per mettere insieme, per la prima volta, tutte le realtà, piccole medie e grandi, spesso scollegate fra loro, per dare la stessa forza di penetrazione nei mercati e le stesse opportunità a tutti. Partendo da esperienze virtuose già consolidate, come le filiere biologiche e gli accordi agroambientali d’area e valorizzando iniziative più recenti, come i biodistretti e i distretti biologici locali appena costituiti o in via di costituzione, puntiamo a costruire insieme il futuro di una regione sempre più biologica».

«Apprezziamo ed appoggiamo convintamente una iniziativa fondamentale per lo sviluppo dell’agricoltura nel nostro territorio – afferma Gino Sabatini -. Camera di Commercio sarà a fianco della regione nel sostenere il distretto unico del biologico delle Marche». Carloni ha anche informato che la regione intende investire nella promozione del biologico in tutti i settori e sarà inserito nella parte dedicata alle Marche nella sezione “Food” di Expo 2020 Dubai.

f3dbf6e6-cc5e-4846-b352-197a16551228-325x216Tra gli obiettivi principali del patto siglato questa mattina, si legge nella nota: «incrementare la superficie agricola utile (Sau) coltivata a biologico (passando dall’attuale 20% al 100% nelle aree Natura 2000 nei prossimi 10 anni), potenziare la ricerca, la sperimentazione e la formazione nel settore del biologico per migliorare la qualità e la produttività delle coltivazioni, tutelare e valorizzare la biodiversità marchigiana in alternativa agli Ogm, favorire e consolidare le filiere del biologico di prodotto e di territorio, estendere la certificazione del biologico fino alla tavola dei consumatori, promuovere il consumo dei prodotti biologici nelle mense e nei circuiti commerciali, promuovere le Marche come regione biologica con una elevata qualità della vita, al fine di accrescere la sua attrattività turistica – conclude la Regione -. La nostra regione vanta imprese in continua crescita per numero e qualità della produzione e una solida storia di filiera per cui in alcuni ambiti è leader in Italia, tanto da essere definita “culla dell’agricoltura biologica italiano”. Siamo tra le regioni con la crescita più alta nel numero di operatori: il 32% in più rispetto all’anno precedente. Numeri positivi sia per quanto riguarda i dati strutturali legati alla produzione, sia per quelli economici legati al mercato. Tanto che la Superficie agricola utile marchigiana, gestita con metodo biologico, ha raggiunto i 104.567, superando del 20% media nazionale. Il numero dei nostri operatori si avvicina a quota 4mila, così articolati: 3.126 produttori, 283 preparatori, 10 importatori e 499 preparatori e importatori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X