facebook rss

Nuova illuminazione a led:
progetto da 550mila euro

OSIMO - Archiviato il contenzioso anche in Consiglio di Stato, la Dea si prepara a installare 70 nuovi punti luce entro il 2022 anche nei giardini di Piazza Nuova, in Piazza Duomo, Palazzo Municipale, alla pista ciclabile a Campocavallo, all'area archeologica di Montetorto, al parco Chico Mendez e ai Tre Archi
Print Friendly, PDF & Email

Piazza del Comune e palazzo comunale di Osimo illuminati durante un concerto serale dell’estate 2020 (foto Bruno Severini)

 

 

Vinto anche in secondo grado, in sede di Consiglio di Stato, il ricorso sul del project financing dell’illuminazione pubblica del Comune di Osimo, assegnato con gara alla società Dea del gruppo Astea. «Un successo che ripaga l’impegno costante e professionale del soggetto promotore, Dea, che gia’ da anni aspettava di partire col project per fare di Osimo un esempio di innovazione nell’illuminotecnica.- spiega il sindaco Simone Pugnaloni – Ora con la firma della convenzione pluriennale Dea sostituira’ gli 6800 punti luce in citta’ con fari a led promuovendo uno stile unico ed un’efficienza energetica mai vista per le strade, i vicoli, nei parcheggi e nelle piazze della nostra comunità». Il plusvalore offerto a Osimo dal bando di gestione ventennale vinto da Dea è rappresentato dalle opere di efficientamento energetico alla città per un valore di 550mila euro.«E’ prevista l’installazione di 70 nuovi punti luce, 21 attraversamenti pedonali illuminati, 30 mila di acquisti in segnaletica stradale illuminata ed una nuova – sottolinea il sindaco di Osimo – e rinnovata illuminazione per i giardini di Piazza Nuova, Piazza Duomo, Palazzo Municipale, per la pista ciclabile a Campocavallo, per l’area archeologica di Montetorto, per il restyling del parco Chico Mendez ad Osimo stazione e dei Tre archi alle porte della città». La firma della convenzione è attesa entro un mese,«mentre l’inizio del cantiere subito dopo con conclusione dei lavori proposti entro 18 mesi» chiude Pugnaloni.

Dea, contenzioso legale sull’illuminazione pubblica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X