facebook rss

Villa Cesarini diventerà
una casa protetta per disabili

CORINALDO – Ok del Cda della Fondazione Santa Maria Goretti per la progettazione preliminare dell'intervento di riqualificazione
Print Friendly, PDF & Email

Villa Cesarini a Corinaldo

Semaforo verde acceso dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione ‘S.M. Goretti’ per la fase di progettazione preliminare per il recupero do Villa Cesarini. Il Cda ha infatti incaricato, lo scorso 15 aprile, un team di tecnici e professionisti per redigere un progetto di recupero edilizio ed architettonico che riguarderà non solo la Villa e i suoi annessi ma anche il suo prezioso parco.«L’obiettivo che ci si è prefissati è quello di ricavare all’interno del complesso gli spazi necessari alla realizzazione della nuova Casa Protetta per disabili gravi, già esistente a Corinaldo, e di un nuovo centro semiresidenziale per persone anziane affette da Alzheimer.- spiega il sindaco Matteo Principi e la Fondazione “Santa Maria Goretti” di Corinaldo in una nota congiunta – La Villa, con la sua architettura e la natura che la circonda, potrà svolgere un ruolo attivo nella cura delle persone che vi risiederanno contribuendo a dare ai suoi ospiti spazi non solo funzionali alle rispettive esigenze ma accoglienti e confortevoli, un’architettura “terapeutica” quindi, capace di migliorare il benessere psicofisico di chi la vive. La destinazione, individuata attraverso una serie di approfondimenti portati avanti nel tempo con il Comune di Corinaldo e il prezioso coinvolgimento dell’Ambito Territoriale Sociale di Senigallia e l’Asur, avrà lo scopo di organizzare il territorio per fornire una risposta adeguata al crescente bisogno di servizi tra la popolazione ed a quelli emergenti, tenuto conto dell’andamento demografico dell’entroterra senigalliese».La villa è stata donata alla Fondazione grazie al lascito testamentario del conte Giacomo Cesarini Duranti Romaldi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X