facebook rss

Alluvione del 2014,
il Comune ricorda le vittime

SENIGALLIA - Il sindaco Massimo Olivetti oggi si è incontrato con gli altri sindaci della valle di Misa e Nevola per ribadire l'impegno che va preso in comune accordo. «L'altro modo di onorare le vittime è agire perché non ce ne siano altre» ribadisce l'Amministrazione comunale che annuncia l'imminente realizzazione con i contributi regionali delle "casse d'espansione di Brugnetto"
Print Friendly, PDF & Email

L’alluvione del maggio 2014

 

 

Per evitare il rischio che con il tempo si affievolisca la memoria, l’Amministrazione comunale di Senigallia oggi ha voluto ricordare le vittime ed i danni causati dell’alluvione 2014. «Danni che hanno interessato tutta la valle del Misa e Nevola ed è per questo che oggi ci siamo incontrati tra sindaci per ribadire l’impegno che va preso in comune accordo. – fa sapere una nota del Comune di Senigallia – L’altro modo di onorare le vittime è agire perché non ce ne siano altre. Quello che è successo sette anni fa non dovrà più succedere. Il rifacimento di alcuni tratti degli argini del Misa e la consegna del nuovo ponte non ci consentono di dire che la città sia sicura. La zona alla foce è ancora estremamente pericolosa e il resto degli argini non sono da considerarsi “sicuri”. E poi non dimentichiamo i fossi che attraversano il nostro territorio comunale». Proprio in questi giorni gli uffici del comune in accordo con i tecnici del Consorzio di Bonifica stanno verificando lo stato dei fossi cittadini. Per la prevenzione e l’allertamento alla popolazione stiamo lavorando con progetti finanziati dal Comune, sembrano meno importanti perché sono piccole somme ma sono molto importanti dal punto di vista strategico ed operativo.

«Dal fronte della Regione – prosegue il comunicato dell’Amministrazione Olivetti – rimarchiamo la grande opportunità di programmazione ed intervento che si è intrapresa con la creazione del tavolo tecnico permanente avviato poche settimane fa. Sempre dalla Regione ci arrivano notizie confortanti per l’imminente realizzazione delle “casse d’espansione di Brugnetto” opera in progettazione da più di trent’anni. Non si possono cancellare trent’anni di rallentamenti, quello che è stato fatto dopo gli eventi alluvionali del 2014 è il minimo di quello che bisognava fare, c’è una responsabilità della politica, in generale, di avere per tanto tempo sottovalutato e sottostimato un’emergenza del territorio che ha causato tanto dolore e danni incalcolabili a cittadini, famiglie e attività economiche».

Incompetenza territoriale, si farà a L’Aquila il processo per l’alluvione di Senigallia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X