facebook rss

Rapportini di servizio sui tablet,
la svolta ‘green’ della Croce Gialla

ANCONA - Dipendenti e volontari stanno frequentando un corso di aggiornamento per prepararsi ad utilizzare la nuova tecnologia. «Ora risparmieremo sulla carta, siamo tra le prime pubbliche assistenze ad utilizzare questo sistema» spiega Stefano Bernabei
Print Friendly, PDF & Email

Nel volgere di un paio di settimane verrà abolito il rapportino cartaceo alla Croce Gialla di Ancona. Una svolta epocale: ogni mezzo dell’associazione dai taxi sanitari fino alle ambulanze che effettuano il servizio del 118 sarà dotato di un tablet dove il personale volontario e stipendiato andrà a compilare il rapporto di servizio che a fine giornata tramite una procedura verrà inviato alla segreteria dell’associazione per la successiva fatturazione. Dipendenti e volontari in questi giorni sono stati chiamati per un corso di aggiornamento della durata di circa un ora. A spiegare il motivo di questa scelta Stefano Bernabei responsabile del personale della stessa Croce Gialla. «Ogni giorno l’associazione effettua una media di 130 servizi. – spiega in una nota dell’associazione del volontariato – Con il cartaceo ogni singolo rapportino costituito da due fogli per arrivare alla fatturazione deve passare in 5 mani e questo richiede uno spreco di tempo ed energie non indifferenti. Conti alla mano dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno si effettuano una media di 45.000 servizi, andare avanti con il sistema cartaceo era impensabile. Per questo motivo abbiamo deciso di acquistare questi tablet che ci consentiranno di risparmiare sulla carta e sul personale di segreteria. Il rapportino compilato sul tablet ha un valore legale a tutti gli effetti. Ci vorrà qualche settimana di rodaggio poi vista la semplicità del sistema tutti saranno in grado di utilizzare questo dispositivo. Da quello che ci risulta siamo almeno nel centro Italia siamo tra le prime pubbliche assistenze ad utilizzare questo sistema grazie anche al nostro tecnico informatico Marco Marinelli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X