facebook rss

La Janus Basket Fabriano
giocherà al PalaBaldinelli

SPORT - Con l'inagibilità del PalaGuerrieri, le partite di casa dei biancoblu verranno disputate nel palazzetto di Osimo
Print Friendly, PDF & Email

Il Palabaldinelli di Osimo

 

La Ristopro Janus Fabriano ha scelto la nuova casa dei biancoblu: ad ospitare la squadra di coach Pansa, orfana del PalaGuerrieri, sarà Osimo e il suo PalaBaldinelli. Inaugurato nel 2008, la struttura vanta 3500 posti a sedere, ed in passato ha ospitato anche partite della Lube in Serie A di pallavolo. Il complesso detiene tutte le caratteristiche necessarie ad un normale svolgimento delle attività della Ristopro, motivo per cui la società ne approfitta per ringraziare il comune di Osimo, sempre disponibile e attento alle necessità di una squadra pronta a trasferirsi di città. Le parole del dg Paolo Fantini, in merito al cambio di palazzetto:
«A nome della società intendiamo ringraziare il Comune di Osimo, con particolare riferimento al  sindaco Simone Pugnaloni, per averci voluto accogliere e per aver ascoltato fin dall’inizio le nostre necessità ed esigenze per poter disputare le nostre gare casalinghe al PalaBaldinelli, ben comprendendo anche tutte le opportunità che questo avrebbe comportato.
Sarà un onore giocare in un impianto sicuramente all’altezza e dotato di tutti i comfort per il pubblico che sarà possibile far accedere, per vivere ogni match nella maniera più diretta e agevole possibile. Altrettanto ci fa piacere giocare in un impianto intitolato ad un grande personaggio del basket marchigiano come Alessio Baldinelli, così come avveniva nel nostro palasport intitolato a Giuliano Guerrieri.
Teniamo anche a ringraziare il comune di Foligno e la società UBS Foligno Basket per la disponibilità e l’attenzione che hanno dimostrato nei nostri confronti, mettendo anche loro a disposizione il proprio impianto. Confidiamo che, in questo momento e scelta che abbiamo dovuto affrontare data indisponibilità del PalaGuerrieri, i nostri tifosi e il nostro pubblico continui a starci vicino in questa nostra avventura in A/2, così come che venga presto trovata una giusta soluzione per ridare vita al più importante impianto sportivo cittadino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X