facebook rss

Minaccia la madre
con una pistola ad aria compressa
e spara un colpo

ANCONA - La donna è stata ferita lievemente alla gamba al culmine di una lite avvenuta in casa, al Poggio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Ancona e della Stazione locale oltre all'ambulanza della Croce Gialla di Camerano e l'elisoccorso del 118. Dopo aver sparato il colpo il ragazzo, un 21enne, si è dileguato per poi tornare sui propri passi. E' stato denunciato per minaccia
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri durante l’intervento al Poggio

Paura al Poggio intorno alle 16 quando una donna ha chiamato il 118 dicendo di essere stata ferita con un colpo di pistola sparatole dal figlio dopo averle puntato contro l’arma.
Il gesto sarebbe avvenuto a seguito di una lite in famiglia proprio tra la donna, una 50enne, e il ragazzo di 21 anni.
Immediatamente è scattata la procedura d’allarme e sul posto sono intervenute a sirene spiegate i carabinieri della Compagnia di Ancona e della Stazione del Poggio oltre all’ambulanza della Croce Gialla di Camerano e l’elisoccorso.
Nel frattempo il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è però scappato probabilmente per la paura.
I militari giunti sul luogo insieme ai soccorritori, per fortuna si sono accertati che la donna stava bene e che era stata ferita ad una gamba dal proiettile, sparato con una pistola ad aria compressa e caricata a piombini.
La donna è stata soccorsa sul luogo e successivamente trasportata al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette con un codice verde, dunque non grave. Leggera, per fortuna, la ferita riportata.
Sono invece subito scattate le ricerche del ragazzo che si era allontanato da casa facendo momentaneamente perdere le proprie tracce per poi tornare qualche tempo dopo sui propri passi.
Il 21enne, su disposizione del Pm di turno, è stato denunciato per minaccia e la pistola soft air è stata sequestrata dai militari dell’Arma.

(al. big.)

I carabinieri durante l’intervento al Poggio

I carabinieri durante l’intervento al Poggio

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X