facebook rss

«Poliambulatorio nel caos,
l’Asur ripristini i servizi sanitari
invece di pensare alla nuova sede»

OSIMO - Le Liste civiche stilano una lunga lista di figure carenti. Mancano il medico sportivo, dermatologi, oculisti, un odontoiatra e un dentista, lo pneumologo e gli infermieri. Capitolo a parte per le attrezzature
Print Friendly, PDF & Email

Il poliambulatorio tra via Antica Rocca e piazza del Comune a Osimo

 

 

«Sul Poliambulatorio di Osimo la dg dell’Asur Marche Nadia Storti si muova! Ripristini i servizi sanitari al cittadino prima ancora di pensare alla nuova sede. Ad oggi ancora nessun sostituto per il medico sportivo, nessuno per il dermatologo. Dei 3 medici oculistici ne è rimasto soltanto uno, l’otorino è attualmente in maternità e dal 10 gennaio non è stata effettuata nessuna sostituzione. L’unico odontoiatra dal primo luglio passa da 20 ore a 10 ore, mentre l’altro non è stato sostituito. Il medico dentista a tempo pieno è in aspettativa da circa 2 anni , il sostituto non viene più, quindi il mercoledì e il servizio è scoperto». E’ questo lo scenario critico tratteggiato dalla Liste civiche Osimo in un comunicato.

«Tolto anche lo pneumologo, perchè quello che c’era è andato a Camerano, a rischio pure il servizio infermieristico per la terapia infusiva relativa ai farmaci in fascia H, che si fa il mercoledì e il giovedì. – aggiungono i movimenti civici – Il medico di distretto che viene da Ancona, stanco anche delle numerose multe , non vuole più prestare il servizio ad Osimo, e quindi i cittadini dovranno andare a Loreto. L’ufficio protesi è stato accentrato ad Ancona ed i nostri anziani devono prenotare i presidi on line. Ma siamo su scherzi a parte? Cosa resta dei servizi sanitari del Poliambulatorio? Solo 10 ore di cardiologia per coprire 30mila abitanti è il nulla considerando che manca ancora un eco cardiografo, la sigillatrice per le buste dove vengono sterilizzati gli strumenti è rotta e non si acquista quella nuova per economia di spese. Chiediamo subito il ripristino dei servizi sanitari necessari per i cittadini di Osimo prima ancora della nuova sede».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X