facebook rss

«Assegnate tutte le case popolari
in disponibilità del Comune»

OSIMO - La vice sindaco Paola Andreoni fa il punto sulle attività dell'Assessorato ai Servizi Sociali
Print Friendly, PDF & Email

Paola Andreoni, vice sindaco di Osimo

 

 

Assegnate, nel giro di un paio di mesi, tutte le case popolari in disponibilità al Comune di Osimo. «I nuovi beneficiari sono stati attinti dalla nuova graduatoria con validità sino al 2024. – spiega il vice sindaco Paola Andreoni con delega ai Servizi Sociali – Nell’assegnazione sono state rispettate le disposizioni della legge regionale e i criteri previsti dal nuovo regolamento comunale. La maggior parte degli appartamenti sono stati assegnati a piccoli nuclei familiari o a persone singole rispettando il rapporto tra numero dei membri componenti il nucleo famigliare e la superficie. Le prossime assegnazioni avverranno appena l’Erap consegnerá altri appartamenti al Comune».

Continua, inoltre, con grande apprezzamento da parte degli utenti la ginnastica dolce nei parchi dedicata agli ultrasessantenni e organizzata dal Comune di Osimo, assessorato ai servizi sociali, in collaborazione con l’istituto Bignamini. «L’attività sportiva – ricorda l’Andreoni – si svolge nel giardino del Foro Boario e nel parco di Collefiorito due giorni alla settimana. Sono stati costituiti diversi gruppi con orari diversi distribuiti tra le prime ore del mattino e alla sera dopo le 18. Si stanno svolgendo con grande apprezzamento , come ogni anno, i soggiorni estivi montani per anziani organizzati dall’associazione Arcobaleno, il cui presidente é Ginnasio Lampa, con il sostegno del Comune di Osimo . Numerosi i partecipanti organizzati in doppi turni».

Terminato il progetto, organizzato dal Csv in collaborazione con Il Comune di Osimo, assessorato ai servizi sociali,” Ci Sto Af-fare fatica”dedicato ai giovani adolescenti. Il progetto prevede lavori di piccola manutenzione dei beni comuni. Quest’anno i giovani accompagnati da un tutor sono stati impegnati nella tinteggiatura delle aule della Scuola secondaria fratelli Trillini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X