facebook rss

Verifiche statiche nelle chiese:
funzioni religiose sospese

ANCONA - Dopo le scosse sismiche di questa mattina, l'arcivescovo Angelo Spina ha firmato un decreto in via cautelativa chiudendo i luoghi di culto per un giorno
Print Friendly, PDF & Email

Mons. Angelo Spina

 

Chiusi anche gli immobili di culto della Diocesi di Ancona-Osimo per le necessarie verifiche statiche, dopo le scosse di terremoto registrate questa mattina nel mare Adriatico, percepite in maniera forte soprattutto lungo le località della costa marchigiana. «A seguito del sisma delle ore 7,07 del 9 novembre 2022 dispongo che, per le prossime ventiquattro ore, siano chiuse tutte le chiese dell’Arcidiocesi di Ancona-Osimo a scopo cautelativo. – si legge nel decreto firmato dall’arcivescovo-Metropolita di Ancona-Osimo, Mons. Angelo Spina, a scopo cautelativo –  I parroci e gli amministratori parrocchiali che dispongono di ingegneri o architetti per fare un primo sopralluogo sono invitati a provvedere e a comunicarne l’esito alla mail della Curia beniculturali@diocesi.ancona.it Quanti avessero bisogno di professionisti possono chiedere all’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi». Il patrimonio storico-artistico delle chiese, proprio perchè antico, è tra i primi luoghi pubblici monitorati in caso di terremoti, come scuole e ospedali.

 

Terremoto: chiusi teatri e musei, rinviati gli eventi (Foto/video)

Malori in casa e per strada, fila per fare la spesa L’elicottero sorvola la città (Foto-Video)

Scossa e una ventina di repliche in 2 ore: controlli nelle scuole, treni sospesi Ad Ancona danni e gente in pigiama in strada

Scossa in mare aperto, la magnitudo è 5.5: Villa Igea evacuata in parte

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X