facebook rss

L’avvocato del poliziotto che ha sparato:
«Contro di lui una spedizione,
sicuramente ne ha prese tante»

ANCONA - Il legale Marco Chiarugi difende il 40enne Alessandro Giordano. Ha incontrato l'agente che nella notte, mentre era fuori servizio, ha ferito con un colpo di pistola un 21enne in via Flavia: «Ho trovato una persona molto provata. Vedremo cosa contesterà la procura». Sequestrata l'arma e gli indumenti che indossava. In ospedale effettuati gli esami tossicologici i cui risultati si sapranno nei prossimi giorni
Print Friendly, PDF & Email

La polizia Scientifica sul posto

di Alberto Bignami

«E’ un capitolo triste. Una vicenda triste per tutti. Al momento ho parlato relativamente con il mio cliente. Ho visto più che altro le sue condizioni e ha riportato 30 giorni di prognosi. Un occhio nero, ferite al capo, lesioni dietro alla nuca ed escoriazioni in altre parti del corpo. Ancora non so come sono andati i fatti. Dall’altra parte c’è stata una spedizione. Ancora è presto per parlare. Vedremo cosa contesterà la procura».
A difendere Alessandro Giordano, il poliziotto 40enne in servizio al Commissariato di Civitanova è l’avvocato del Foro di Ancona, Marco Chiarugi.
L’agente fuori servizio, nella notte, aveva sparato in strada lungo via Flavia a un 21enne, N.G. le iniziali, dopo una lite avvenuta con il giovane nella discoteca Nyx alla Baraccola. I due si conoscevano. Subito allontanato dal servizio di

La Scientifica sul posto. Nel riquadro: Alessandro Giordano

vigilanza del locale, il poliziotto era tornato a casa ma aveva inviato nel frattempo messaggi, e fatto chiamate al ragazzo, dicendogli di presentarsi da lui.
Il 21enne, insieme ad alcuni amici, è andato ma una volta sul posto il 40enne si è fatto trovare armato e ha sparato prima un colpo di pistola in aria, utilizzando l’arma di ordinanza, e poi ha puntato verso il ragazzo colpendolo ad una coscia. Il gruppo gli è andato contro per disarmarlo dopodiché la corsa al nosocomio di Torrette con l’amico ferito, caricato sul furgone.
«Ho trovato una persona molto provata. Sulla dinamica vedremo e in base a quello ci difenderemo. Sicuramente, ne ha prese tante. Comunque, sappiamo che è un bravo ragazzo; che ha fatto e fa del bene. Poi cosa sia scattato o meno, adesso non siamo nelle condizioni di poter giudicare».
Al 40enne, i poliziotti della Squadra Mobile hanno fatto la perquisizione domiciliare. Hanno prelevato gli indumenti che indossava nella notte oltre che a sequestrare l’Arma e portarlo in questura dove è stato interrogato per ore.
«Ora – riprende l’avvocato – vediamo pian pianino che cosa emerge dalle varie contestazioni».
Nel frattempo, appena arrivato in ospedale, al 40enne sono stati effettuati anche gli esami tossicologici i cui risultati si sapranno però solo nei prossimi giorni.

La polizia Scientifica impegnata nei rilievi in via Flavia

Tentato omicidio e lesioni: ai domiciliari il poliziotto che ha sparato a un 21enne (Foto-Video)

Lite in strada, poliziotto spara a un giovane: a Torrette scoppia il caos (Foto-Video)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X