facebook rss

Bancarelle in via Castelfidardo
e stop alle licenze,
il mercato si restringe

ANCONA - Dopo un esilio decennale verranno riposizionati i banchi di fianco all'ex Metropolitan. Il Comune studia un regolamento come per i dehors. Rottamazione delle licenze, nessuno aprirà più in corso Mazzini. Molti ambulanti vanno in pensione senza essere sostituiti
mercoledì 18 gennaio 2017 - Ore 07:44
Print Friendly, PDF & Email

Il mercato di corso Mazzini e la gru all’ex Metropolitan

 

Pierpaolo Sediari, assessore al Commercio

 

di Marina Verdenelli

(Foto Giusy Marinelli)

Mercato di corso Mazzini, tornano le bancarelle in via Castelfidardo e il Comune studia un regolamento come quello per i dehors. Un traguardo storico dopo l’esilio decennale dovuto al cantiere dell’ex Metropolitan. I banchi potrebbero posizionarsi già a maggio-giugno. Intanto per il mercato simbolo della città nessuna speranza per nuove licenze da parte del Comune per chi vorrà intraprendere l’attività di ambulante lungo il corso Vecchio. Con il bonus commercianti previsto con la rottamazione delle licenze, che consente ad un indennizzo da parte dell’Inps (500 euro al mese) per chi cessa l’attività tre anni prima della pensione, sono diverse le richieste arrivate al Comune e da parte di ambulanti che hanno deciso di chiudere l’attività riconsegnando la licenza. Licenza che però, almeno per corso Mazzini, non andrà rimpiazzata da altri. Attualmente sono un centinaio i banchi presenti tra il corso Vecchio, piazza Roma lato fontana e piazza Roma lato Cobianchi. Più di 40 quelli che negli anni hanno chiuso i battenti senza proseguo.

Le bancarelle in piazza Roma

LICENZE ROTTAMATE. La rottamazione delle licenze commerciali è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017. Riguarda i commercianti in sede fissa e anche gli ambulanti. «Chi vorrà rottamarla – spiega l’assessore al commercio Pierpaolo Sediari – non potrà cederla. Non ci saranno altre licenze messe sul mercato da parte del Comune. Chi vorrà aprire una bancarella potrà farlo negli altri mercati, come quello di piazza d’Armi, ma non su corso Mazzini».

VIA CASTELFIDARDO. Il ritorno è legato al cantiere dell’ex cinema dove ha aperto di recente la catena di abbigliamento svedese H&M. «Aspettiamo che venga smantellata la gru all’ex Metropolitan – dice Sediari – poi il Comune farà una graduatoria per indicare quali saranno gli ambulanti che verranno spostati. Procederemo in base all’anzianità e presenza nel mercato». Senza più il cantiere si libererà la parte alte di corso Mazzini dalla bancarelle, quelle all’altezza della chiesa San Cosma. «Lì si ricaveranno dei parcheggi per il tribunale – continua l’assessore – quelli che sono stati tolti nella parte più centrale dove abbiamo riposizionato le bancarelle. La gru c’era stato assicurato che sarebbe stata smontata per marzo-aprile ma il cantiere è un po’ in ritardo nei tempi quindi anche per lo spostamento dei banchi in via Castelfidardo non sarà prima di maggio-giugno».

L’ex Metropolitan

REGOLAMENTO. Dopo quello per tavolini e ombrelloni fuori dai bar, il Comune studia un regolamento anche per le bancarelle. «E’ al vaglio – anticipa l’assessore Sediari – servirà per omogeneizzare il mercato facendo scegliere agli operatori banchi e ombrelloni tutti uguali. Quello che è stato già fatto per i dehors e dove ci sono 5 anni di tempo, per gli operatori, per adeguarsi».

Il mercato in piazza Roma

Le bancarelle in corso Mazzini

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X